07 giugno 2020
ore 10:24
Home Cronaca Cuneo, in Consiglio comunale un OdG contro la modifica della legge regionale sul gioco d’azzardo

Cuneo, in Consiglio comunale un OdG contro la modifica della legge regionale sul gioco d’azzardo

SHARE
Cuneo, in Consiglio comunale un OdG contro la modifica della legge regionale sul gioco d’azzardo

Una proposta della Lega in Consiglio regionale elimina la retroattività del “distanziometro”.

“Impegnare Sindaco e Giunta a manifestare al presidente della Regione e al Consiglio regionale la contrarietà alla modifica della legge regionale 9/2016 contro il gioco d’azzardo patologico, a promuovere iniziative di coinvolgimento dei cittadini in difesa di tale legge, ad attivarsi nei confronti delle forze di Governo affinchè elaborino politiche di riduzione dell’offerta di gioco procedendo a una nuova regolamentazione del settore”. Questi gli intenti dell’OdG che i gruppi del Partito Democratico e Cuneo Solidale Democratica presenteranno lunedì 17 e martedì 18 Febbraio al Consiglio comunale di Cuneo. Il riferimento è ad una proposta della Lega che vorrebbe eliminare la retroattività sul distanziometro della legge regionale, norma che prevede una distanza minima tra slot machine e e una serie di “punti sensibili” come scuole,banche,bancomat e altri ancora. Una proposta che l’attuale maggioranza in Consiglio regionale sarebbe intenzionata ad approvare.

Cuneo Solidale e Partito Democratico si oppongono con decisione alla modifica, anche in considerazione dei risultati che la norma sta ottenendo: “L’IRES ha sottolineato che nel 2018, mentre il gioco fisico è cresciuto a livello nazionale (+1,6%), in Piemonte abbiamo assistito a una sua diminuzione (-9,7%, pari a 497 milioni di euro giocati). Si è verificata anche una diminuzione delle perdite: -17,8% in Piemonte, -2,9% in Italia. Il CNR ha confermato che nei Comuni dove sono stati applicati orari più restrittivi e distanziometri si sono ridotti i volumi di gioco. Il denaro investito dai piemontesi nell’azzardo si è ridotto di circa 500 milioni di euro in soli due anni, le perdite di oltre 200 milioni”. Anche la Società Italiana Tossicodipendenze Sezione Piemonte e Valle d’Aosta ha assunto in merito una posizione molto netta, precisando che un ritorno alla situazione ante legem avrebbe un “impatto disastroso e provocherebbe una nuova impennata di gioco problematico e patologico”.

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN