27 Novembre 2021 - 15:20

Corea del Sud. Arriva la proposta di consentire il gioco online nei casinò (per stranieri)

I casinò per soli stranieri della Corea del Sud hanno visto crollare le entrate a causa della mancanza di turisti durante la pandemia di Covid-19. Ora Lee Sang-heon, membro del

21 Ottobre 2021

Print Friendly, PDF & Email

I casinò per soli stranieri della Corea del Sud hanno visto crollare le entrate a causa della mancanza di turisti durante la pandemia di Covid-19. Ora Lee Sang-heon, membro del Partito Democratico della Corea nel Comitato Cultura, Sport e Turismo dell’Assemblea Nazionale, ha suggerito che dovrebbe essere consentito loro di introdurre servizi di gioco d’azzardo online.

Ricordiamo che la Corea del Sud ha una legge ferrea in materia di gioco d’azzardo tanto che è assolutamente vietato alla popolazione. Gli unici casinò autorizzati sono accessibili solo ai turisti. Pensate che un coreano  potrebbe essere sanzionato penalmente, e rischiare addirittura il carcere, se viene beccato a giocare d’azzardo anche all’estero.

Ma la pandemia ovviamente ha messo in crisi i ricavi del gioco provenienti da questi casinò.

Secondo la Korea Casino Association, i casinò per soli stranieri della Corea del Sud hanno registrato vendite complessive di gioco d’azzardo di 151,3 milioni di dollari durante la prima metà dell’anno. Nel 2020, la cifra ha registrato un calo del 60% su base annua rispetto al 2019.. Lee Sang-heon ha proposto un emendamento al Tourism Promotion Act per aiutare i casinò a recuperare parte delle loro vendite aggregate di gioco d’azzardo. Tuttavia, secondo il New Daily, il Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo è contrario a consentire il gioco d’azzardo a distanza, poiché anche i cittadini sudcoreani potrebbero accedervi.

Ha aggiunto che la misura potrebbe causare proteste da diversi paesi i cui cittadini potrebbero essere presi di mira come clienti.

Le entrate fiscali del gioco in Corea del Sud sono diminuite dell’82,4% nel 2020.

Le autorità sudcoreane hanno riferito che la riscossione delle tasse sui giochi è diminuita dell’82,4% su base annua nel 2020 a 81,8 miliardi di KRW (70,5 milioni di dollari). Le entrate fiscali del casinò di Kangwon Land Inc, (l’unico casinò autorizzato a 150 km a sud di Seoul) sono crollate dell’83,3 per cento da KRW 357,8 miliardi a KRW 59,9 miliardi nel 2020. Tuttavia, quella cifra era il doppio rispetto ai 16 casinò per soli stranieri della Corea del Sud messi insieme. Kangwon Land ha rappresentato il 14,8% delle entrate fiscali del gioco d’azzardo del paese nel 2020.

Le entrate fiscali del gioco dal resto dei casinò sono diminuite del 79,7% a 21,9 miliardi di KRW. Anche i casinò sudcoreani devono contribuire a una serie di fondi. Nel 2020, tali donazioni hanno totalizzato KRW322.6m. Il solo Kangwon Land ha contribuito con 268,7 miliardi di KRW in donazioni di fondi durante il 2020, in calo dell’8,2 percento su base annua, mentre il contributo dei casinò solo stranieri è stato di 53,9 milioni di KRW, con un calo del 60,7 percento. Le entrate fiscali complessive della Corea del Sud dai giochi nel 2020 sono state di 404 miliardi di KRW, un calo dell’82,9% rispetto a 2,36 miliardi di KRW nel 2019. Nel 2020 i casinò sudcoreani hanno ricevuto solo 1.760.232 visite, in calo rispetto a 6.128.952 nel 2019.

PressGiochi