15 ottobre 2019
ore 01:31
Home Estero Coppolani (Arjel) ribadisce l’importanza di lottare contro il match fixing e intanto cresce la raccolta delle scommesse online

Coppolani (Arjel) ribadisce l’importanza di lottare contro il match fixing e intanto cresce la raccolta delle scommesse online

SHARE
Coppolani (Arjel) ribadisce l’importanza di lottare contro il match fixing e intanto cresce la raccolta delle scommesse online

“I movimenti sportivi devono essere i primi a contrastare la manipolazione degli eventi sportivi e noi siamo qui per fare proprio questo, l’integrità dello sport fa parte del movimento sportivo”. Lo ha dichiarato Charles Coppolani presidente dell’Arjel oggi presente all’incontro dei Delegati all’Integrità del Comité National Olympique Sportif Français.

Nel frattempo, ieri l’Arjel ha reso noti i dati relativi al giro d’affari del gioco online nel primo trimestre dell’anno, secondo il quale continua a crescere il settore delle scommesse online nel primo trimestre francese mentre le scommesse ippiche e il poker segnano una nuovo trend negativo.

 

Scommesse sportive – Per quanto riguarda le scommesse sportive, nel primo trimestre 2016 gli incassi registrati ammontano a 516milioni di euro e rappresentano il più alto importo raggiunto dall’apertura del mercato dell’online nel 2010. Segna una crescita del 47% tra il primo trimestre 2015 e quello del 2016. Aumentano del 34% i conti di gioco attivi nel periodo di riferimento e rappresenta la principale ragione della crescita delle entrate. Cresce anche il tasso di rendimento ai giocatori del 2,1% favorito anche dai numerosi bonus che sono stati concessi in questo periodo agli utenti. Il GGR per gli operatori ammonta nel primo trimestre dell’anno a 82milioni di euro (+30% sul 2015).

 

Scommesse ippiche –  Nel primo trimestre 2016 il giro d’affari delle scommesse ippiche è di 227 milioni di euro segnando un calo del 7% sullo stesso periodo di riferimento del 2015. Il calo tuttavia non si spiega con un allontanamento dei giocatori verso questo tipo di betting dato che il numero dei conti attivi aumenta dell’1%, mentre si riduce la somma spesa mediamente dei singoli giocatori. Il GGR per gli operatori si riduce del 5% pari a 63milioni di euro.

 

Poker  – continua il calo anche nel primo trimestre 2016 del giro d’affari del cash games. Gli incassi passano da 1022 milioni del 2015 ai 953 mln del primo trimestre 2016 con un calo del 7%. Inversamente, le tasse di iscrizione ai tornei continuano a salire. Ammontano in questo trimestre a 500mln di euro con un aumento progressivo del 17%, come registrato anche nel trimestre precedente. Cresce il GGR del 2% arrivando a 62mln di euro. Torna a crescere la modalità torneo rispetto al cash games; attivi in media 257mila conti di gioco.

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN