25 Settembre 2020 - 12:46

Consiglio d’Europa: avviato il progetto ‘Cartellino rosso al crimine nello sport’

Il Consiglio d’Europa ha annunciato in questi giorni l’avvio del progetto ‘Cartellino rosso al crimine nello sport – Insieme contro la manipolazione delle gare sportive (#KCOOS)’, cofinanziato dalla Commissione europea

31 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Il Consiglio d’Europa ha annunciato in questi giorni l’avvio del progetto ‘Cartellino rosso al crimine nello sport – Insieme contro la manipolazione delle gare sportive (#KCOOS)’, cofinanziato dalla Commissione europea (Direzione generale Affari interni) e dal Consiglio d’Europa (Divisione Sport ).

In un periodo di 18 mesi, tra gennaio 2016  e Giugno 2017, il progetto KCOOS mira ad aumentare la consapevolezza dei rischi delle partite truccate e delle scommesse sportive, aiutare nell’attuazione delle misure nazionali contro le partite truccate dei match e promuovere la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive.

I partner di questo progetto, guidati dal Consiglio d’Europa, saranno il Comitato Olimpico Internazionale, la francese Arjel, il Comitato Olimpico Nazionale della Finlandia, ESSA (European Sports Security Association), l’Interpol, il Ministero della Cultura norvegese, l’Oxford Research Institute, l’European Lotteries e la Gambling Commission del Regno Unito.

Il progetto prevede tre fasi:
– Gennaio 2016 – Giugno 2016: fase di ricerca teorica e di individuazione delle esigenze delle diverse giurisdizioni sotto la responsabilità del Research Institute di Oxford;
– Giugno 2016 – Ottobre 2016: l’organizzazione da parte del Consiglio d’Europa di 5 seminari regionali i cui temi saranno proprio quelli di rispondere alle esigenze individuate nella fase teorica;
– Novembre 2016 – Aprile 2017: organizzazione di quattro visite di studio e due missioni di esperti dell’ARJEL e della Gabling Commission.

 

Il ruolo di Arjel – Le visite di studio organizzate dalla ARJEL si terranno nei mesi di novembre 2016 e gennaio 2017. Lo scopo di queste visite, che sono un’opportunità per i beneficiari di avere accesso a esempi concreti di infrastrutture e procedure amministrative, è la presentazione di buone pratiche di gestione dei rischio legati alle scommesse sportive e della lotta contro la manipolazione delle competizioni sportive. I partecipanti saranno selezionati dal Consiglio d’Europa, sulla base delle richieste espresse nel corso dei seminari regionali.

La missione di esperti che ARJEL organizzerà il mese di marzo 2017 avrà lo scopo di fornire specifica assistenza tecnica bilaterale nel settore della gestione dei rischi legati alle scommesse sportive e della lotta contro la manipolazione, i rappresentanti del paese ospitante e gli altri destinatari devono essere stabilite dal Consiglio d’Europa a partire da novembre 2016.

PressGiochi