27 Novembre 2021 - 14:52

Colao (Min. trans. digitale): “Il fisco italiano dispone di una enorme mole di dati, pensiamo ai giochi, scommesse e lotterie”

“L’interazione tra il fisco italiano e la vastissima platea di soggetti che quotidianamente devono interagire con l’amministrazione fiscale italiana produce un volume di dati non solo enorme ma anche eterogeneo,

25 Novembre 2021

Print Friendly, PDF & Email

“L’interazione tra il fisco italiano e la vastissima platea di soggetti che quotidianamente devono interagire con l’amministrazione fiscale italiana produce un volume di dati non solo enorme ma anche eterogeneo, si pensi ai giochi, alle scommesse sportivi, alle lotterie, ai monopoli, ai dati antifrode, ai dati antiriciclaggio oltre ovviamente ai dati sui rimborsi, sulle liquidazioni, sulle dichiarazioni dei redditi”.

Lo afferma il Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao in audizione presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria in merito all’indagine conoscitiva sulla digitalizzazione e sull’interoperabilità delle banche dati fiscali.

“Il fisco italiano dispone quindi da una parte di un potenziale conoscitivo elevato, molto profondo ma d’altra paradossalmente, il sistema fiscale presenta delle criticità sia sul fronte del sistema dei costi amministrativi per i cittadini e le imprese, sia su quello del recupero dell’evasione e del sommerso. Sul fronte dei costi amministrativi e quindi sull’efficienza del sistema Paese nel suo complesso, molti cittadini e imprese si trovano ad affrontare adempimenti complessi, che sono conseguenza di processi fiscali molto articolati. Sul fronte del contrasto all’evasione, ha ricordato che il valore stimato è di circa 103 miliardi di euro di evasione fiscale contributiva annuale e ne vengono recuperati meno del 20%; al problema contribuisce il nostro sistema giuridico che rende difficoltoso l’utilizzo efficiente dei dati da parte del fisco per contrastare l’evasione” conclude il Ministro.

PressGiochi