09 Agosto 2020 - 04:50

Cociancich (Pd): “La legge europea interviene sulla tassazione dei vincitori non sulle case da gioco”

“Stiamo parlando della tassazione dei vincitori e non delle case da gioco – ha precisato ieri in aula del Senato il relatore Roberto Cociancich rispondendo agli attacchi del M5S e

05 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Stiamo parlando della tassazione dei vincitori e non delle case da gioco – ha precisato ieri in aula del Senato il relatore Roberto Cociancich rispondendo agli attacchi del M5S e della Lega Nord -. Le case da gioco sono tutte tassate e tali resteranno. L’Unione europea ci chiede di armonizzare la tassazione delle vincite fatte in Italia con quelle realizzate all’estero. Quindi, o si tassa tutto, o non si tassa nulla. Se noi decidessimo di tassare tutto (opzione assolutamente legittima), coloro che oggi vengono a giocare in Italia si sposterebbero all’estero, dove non c’è tracciabilità della vincita. Quindi, l’effetto finale sarebbe soltanto quello di far chiudere le case da gioco italiane, con conseguente minor gettito fiscale.

Nel ribadire che siamo tutti contrari sia alle mafie, che alle ludopatie, faccio presente che la soluzione individuata dalla Commissione è quella di non tassare le vincite dei vincitori, sia italiani che esteri, così da mantenere una condizione di parità tra le case da gioco italiane e quelle estere. È stato però presentato un ordine del giorno, condiviso dalla stragrande maggioranza dei commissari e accolto dal Governo, volto a prevedere che tutte le vincite tracciabili (ossia quelle realizzate su Internet, che oggi rappresentano la dimensione crescente del gioco d’azzardo) siano tassate, a prescindere che vengano fatte in Italia o all’estero.

Quindi, non si tratta di contrastarci sui principi ideali, su cui siamo tutti d’accordo, ma di guardare l’effettività e l’efficacia delle misure che vogliamo assumere, perché per raggiungere un grande risultato ideale c’è il rischio di ottenere l’effetto contrario”.

PressGiochi

 

Legge Europea 2015. Respinti emendamenti Ln e M5S su tassazione vincite e preu slot