28 Settembre 2020 - 17:58

Cirsa. Il business italiano pesa il 7,5% su Ebitda del Gruppo

Cirsa, la principale multinazionale del gioco in Spagna, attiva anche in Italia con un importante mercato slot e Vlt ha reso noti ieri i dati relativi al report annuale 2014,

05 Maggio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Cirsa, la principale multinazionale del gioco in Spagna, attiva anche in Italia con un importante mercato slot e Vlt ha reso noti ieri i dati relativi al report annuale 2014, anno nel quale il gruppo spagnolo ha ottenuto un beneficio operativo del 13,2% pari a € 328,1 milioni. La società ha incassato nello stesso esercizio 1.591 milioni di euro, il 16,1% in più rispetto al 2013.

 

Slot – Per quanto riguarda il mercato italiano, il business delle slot e Vlt pesa il 7.5% sull’Ebitda complessiva. In Italia al 31 dicembre la multinazionale detiene un parco macchine di 10.862 slot machine e 3.015 punti di gioco distribuiti tra il centro e il nord Italia. Queste locations inclusono bar, sale bingo, ristoranti e stazioni di servizio. Cirsa fa sapere che con i gestori di questi esercizi sono in vigore accordi contrattuali quinquennali e i ricavi vengono divisi al 50% al netto del payout e delle imposte AAMS.

 

Vlt – Oltre alle slot, l’operatore spagnolo detiene in Italia un parco Vlt con 2.546 machine collocate in sale bingo e sale giochi e collegate alla rete delle slot di Cirsa. Il 25% di queste vlt vengono gestite direttamente da Cirsa, il restante 75% attraverso Orlando Italia, una filiale della join venture del gruppo di proprietà di Cirsa e del Gruppo Burruezo, Orlando Play sa. La concessione italiana di Cirsa per la gestione delle Vlt ha scadenza legale al 2022. Le vlt Cirsa sono prodotte da Novomtic, Unidesa e Spilo.

 

Delega Fiscale – Il Parlamento italiano ha incaricato il Governo nel marzo 2014 di avviare una riforma del gioco pubblico attraverso la delega fiscale che promette un importante impatto nel mercato delle slot e vlt – fa sapere il Gruppo. Il testo non è ancora disponibile e si attende la pubblicazione della norma nella tarda primavera del 2015.

PressGiochi