19 Aprile 2021 - 08:41

Cirsa ha assorbito bene l’impatto della pandemia

L’operatore di gioco terrestre e online Cirsa ha pubblicato i risultati finanziari per l’intero anno 2020, mostrando un utile operativo di 126 milioni di euro da un reddito operativo di

25 Febbraio 2021

Print Friendly, PDF & Email

L’operatore di gioco terrestre e online Cirsa ha pubblicato i risultati finanziari per l’intero anno 2020, mostrando un utile operativo di 126 milioni di euro da un reddito operativo di 842 milioni di euro.

Tuttavia, l’attività ha registrato una perdita netta di 254,6 milioni di euro poiché le spese sono diminuite più lentamente delle entrate.

Nel 2019 i ricavi operativi erano stati di 1,64 miliardi di euro, mentre l’utile operativo si era attestato sui 472,7 milioni di euro e la perdita netta sui 6,7 milioni di euro.

Nel quarto trimestre 2020, l’operatore ha generato ricavi operativi per 211 milioni di euro, in calo rispetto ai 537,6 milioni di euro del quarto trimestre del 2019, e 51 milioni di euro di utile operativo, rispetto a un utile operativo netto di 53 milioni di euro dell’anno precedente.

Dopo un buon inizio a gennaio e febbraio, +28% rispetto al 2019, l’impatto della pandemia da Covid-19 è stato schiacciante sulle entrate, a causa della sospensione diffusa delle operazioni a terra.

Quando le sedi sono state autorizzate a riaprire, a intervalli diversi a seconda dei decreti locali delle diverse giurisdizioni in cui opera Cirsa, l’operatore ha affermato di essere riuscito a ridurre l’impatto sui ricavi e sui risultati finanziari nonostante una forte riduzione della capacità operativa. Durante l’anno sono andate perse il 45% delle ore produttive, è stato sottolineato dall’azienda. In particolare, mentre le sedi in Spagna hanno riaperto per un periodo dopo soli 86 giorni, il settore terrestre è rimasto chiuso a Panama per circa 7 mesi e in Perù per circa 9 mesi.

Inoltre Cirsa afferma nel suo rapporto che la solida struttura finanziaria del gruppo ha consentito di mantenere livelli elevati di liquidità durante tutto l’anno.

Sebbene le entrate delle slot machine abbiano sofferto in modo significativo, i giochi Manhattan e Pharaoh’s Gold lanciati dalla filiale B2B UNIDESA sono diventati le slot con le migliori prestazioni sul mercato.

La filiale Sportium, che si concentra principalmente sul mercato spagnolo delle scommesse al dettaglio, ha mantenuto un buon livello di attività grazie a una  efficiente gestione delle risorse, massimizzando i ricavi  e riducendo al minimo i costi durante tutto l’anno.

Cirsa riporta infine che il canale digitale di Sportium, che è rimasto pienamente operativo per tutto l’anno, ha registrato tassi di crescita significativi.

 

Pressiochi