01 Ottobre 2020 - 09:43

Chieti. Anche il comune scende in campo contro il gioco d’azzardo

“No Gap, No Gioco d’Azzardo Patologico. Chieti è orgogliosa di contribuire a far crescere una cultura diffusa contro la diffusione di tale dipendenza affrontando, soprattutto con le nuove generazioni, i

17 Aprile 2015

Print Friendly, PDF & Email

“No Gap, No Gioco d’Azzardo Patologico. Chieti è orgogliosa di contribuire a far crescere una cultura diffusa contro la diffusione di tale dipendenza affrontando, soprattutto con le nuove generazioni, i rischi, i danni e i costi sociali derivanti da tale patologia”, è quanto ha dichiarato stamani il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, nel corso del convegno “Il Gap: illusioni, rischi e costi sociali” organizzato dal Comune di Chieti in collaborazione con l’Università “Gabriele D’Annunzio”, il Kiwanis Club Pescara e la Asl Lanciano-Vasto-Chieti.

“Una tematica, quella del gioco d’azzardo patologico – ha proseguito il Primo Cittadino – che credo vada sempre più affrontata dalle istituzioni in ragione dei conseguenti comportamenti capaci di provocare alterazioni gravi nelle dinamiche familiari e sociali e conseguenze importanti anche sotto il profilo economico”.

“Sulla problematica del gioco d’azzardo – ha spiegato il Sindaco – l’Amministrazione Comunale, oltre ad aver previsto sotto il profilo tributario uno sgravio del 40% per gli esercizi commerciali che dismettono le apparecchiature dei giochi elettronici a pagamento, ha siglato, nel febbraio 2013, un protocollo d’intesa con la Asl Lanciano-Vasto-Chieti finalizzato all’attuazione di azioni comuni per la prevenzione e l’adozione di interventi in caso di bisogno. Secondo i dati forniti dalla Asl, sono già 28 gli utenti (21 uomini e 7 donne) sul territorio di Chieti che si sono rivolti al servizio per problemi derivanti dalla dipendenza da Gap”.

“Parlare di tali argomenti credo sia fondamentale, così come altrettanto importante è non abbassare mai la guardia – ha poi evidenziato il Sindaco Di Primio – se si pensa che nel 2004 erano 24 i miliardi di euro spesi in Italia per il gioco d’azzardo e nel 2013 sono diventati 84, a fronte di una crisi economica internazionale senza precedenti e di una infiltrazione mafiosa sempre più massiccia che attua meccanismi di riciclaggio intorno a tale attività. Per citare Adam Smith: “non è mai esistita e mai esisterà al mondo una lotteria perfettamente equa ma nessun uomo, per quanto sano, è immune dall’assurda fiducia nella propria fortuna”.

 

PressGiochi