28 Novembre 2022 - 17:00

Ceuta: ok a sconti fiscali per le società senza sede fisica nella città

Il presidente di Ceuta, Juan Jesús Vivas, ha ribadito la sua proposta di offrire crediti d’imposta alle imprese anche quando non si trovano fisicamente nella città. Secondo l’idea del Governo,

23 Novembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Il presidente di Ceuta, Juan Jesús Vivas, ha ribadito la sua proposta di offrire crediti d’imposta alle imprese anche quando non si trovano fisicamente nella città.

Secondo l’idea del Governo, per applicare queste agevolazioni fiscali basterebbe che l’impresa beneficiaria crei effettiva occupazione nella città. Il governo di Ceuta è convinto da anni che la revisione e l’estensione del regime economico e fiscale speciale di Ceuta sia la chiave per lo sviluppo economico della città e la ricerca di nuove fonti di occupazione. L’esperienza con i vantaggi fiscali approvati per il settore dell’economia digitale, in particolare il settore del gioco online, gli dà ragione.

E ora vogliono fare un passo in più: rivedere l’articolo 33 dell’Imposta sulle società che impone a un’impresa di completare il ciclo commerciale nella regione in cui è tassata. Qualcosa che Ceuta e Melilla propongono di cambiare in cambio della creazione di un meccanismo ad hoc che richieda che la società crei e mantenga occupazione.

“Iniziative molto importanti sono state prese in tema di tassazione specifica in relazione al gioco d’azzardo online e hanno dato i loro frutti; è stata rivista la normativa sull’Iva per favorire questo settore e ha dato i suoi frutti; e ora siamo fermamente impegnati nella modifica dell’articolo 33 dell’Imposta sulle società in modo tale che il bonus sia aumentato, l’incentivo in tale imposta, a condizione che sia accompagnato dalla creazione e dal mantenimento di posti di lavoro a Ceuta”, ha spiegato Vivas.

PressGiochi