29 Settembre 2020 - 20:17

Castellaneta (TA). I 5 stelle chiedono al comune di vigilare sul gioco d’azzardo

Il numero di slot machines è cresciuto in maniera esponenziale in tutto il territorio italiano, costituendo un serio pericolo per numerosi cittadini che, inconsapevoli del rischio patologico collegato al gioco

11 Marzo 2015

Print Friendly, PDF & Email

Il numero di slot machines è cresciuto in maniera esponenziale in tutto il territorio italiano, costituendo un serio pericolo per numerosi cittadini che, inconsapevoli del rischio patologico collegato al gioco d’azzardo, trascorrono ore intere in tabacchi e sale scommesse.

Castellaneta non si discosta dall’andamento generale del fenomeno, avendo collezionato negli ultimi mesi un numero crescente di terminali adibiti al gioco d’azzardo. Una situazione non più tollerabile per gli attivisti del Meetup Castellaneta Aperta ai 5 stelle che in una lettera indirizzata nuovamente al sindaco Giovanni Gugliotti, dopo lo scorso dicembre, hanno indicato misure concrete per arginare quella che non di rado si trasforma in una vera e propria dipendenza patologica che vede tra i principali soggetti a rischio uomini e donne in forte disagio economico e sociale.

“Lo scopo della presente lettera non è limitare alcuna libertà personale o iniziativa d’impresa, ma proteggere le fasce più sensibili della cittadinanza prevenendo il diffondersi dei fenomeni di ludopatia attraverso un insieme di azioni mirate”.

Azioni che secondi gli attivisti darebbero un forte segnale alla cittadinanza dimostrando di contrastare i fautori del gioco d’azzardo e al contempo, premiando gli esercizi virtuosi educando i cittadini.

Le operazioni di tutela e controllo del fenomeno prevedono obblighi da parte dei comuni in termini di vigilanza sull’applicazione delle norme riguardanti orari, modalità di gioco e distanza da luoghi sensibili nonchè l’istituzione di un pubblico elenco degli esercizi in possesso del marchio “Libero da slot – Regione Puglia”. Operazioni che, secondo gli attivisti, inquadrano il comune di Castellaneta come totalmente inadempiente.

Da qui, le richieste rivolte al sindaco Gugliotti e al consiglio comunale:

– l’istituzione di un pubblico elenco con marchio “Libero da slot” della regione Puglia, in conformità al comma 7 art. 4 della Legge Regionale N. 43/2013 ” Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (GAP)”;
– che in sede di applicazione delle aliquote e delle detrazioni per l’anno 2015, ad introdurre una maggiore imposizione fiscale nei confronti dei locali/esercizi pubblici che hanno installato o intendono installare slot machine, videopoker o apparecchiature similari, o, in alternativa, a prevedere agevolazioni fiscali nei confronti dei locali/esercizi pubblici che non hanno installato o decidono di rimuovere tali apparecchiature per premiare gli esercenti che preferiscono eticamente e moralmente la salute dei cittadini ad un facile guadagno;
– prevedere di inserire in eventuali futuri bandi di assegnazione di esercizi pubblici comunali la proibizione ad installare macchine slot macchine all’interno di tali spazi.

PressGiochi