22 Settembre 2020 - 12:39

Casinò di Venezia. Cozzolino (M5S) al Mef: “Su caso ispettori, si controlli regolarità delle decisioni del Comune”

Il Governo intende avviare tutte le opportune iniziative di competenza per verificare se, in riferimento alle vicende che stanno riguardando l’attività degli ispettori della casa da gioco, siano rispettate le

12 Gennaio 2017

Print Friendly, PDF & Email

Il Governo intende avviare tutte le opportune iniziative di competenza per verificare se, in riferimento alle vicende che stanno riguardando l’attività degli ispettori della casa da gioco, siano rispettate le norme vigenti che regolano l’attività del Casinò di Venezia?

A chiederlo in una interrogazione parlamentare presentata ieri al Ministro dell’interno e al Ministro dell’economia e delle finanze, Emanuele Cozzolino, del Movimento 5 Stelle.

 

Come ha ricordato il parlamentare, “il giorno sabato 7 gennaio 2016 30 ispettori del comune di Venezia addetti al controllo della legalità dello svolgimento delle operazioni di gioco, di chiusura dei tavoli e della conta dei fondi presso il Casinò della città di Venezia hanno scioperato per 24 ore per protestare contro l’annunciata volontà dell’amministrazione comunale di ridurre l’indennità di funzione ispettiva prevista dal contratto;

l’amministrazione comunale di Venezia ha ritenuto di non fermare l’attività del casinò nella giornata del 7 gennaio, ma ha proceduto alla sostituzione del personale scioperante con un gruppo formato da 5 dirigenti comunali, tre dei quali nominati a tale incarico pochi giorni prima del 7 gennaio;

come denunciato pubblicamente dalle associazioni sindacali- ha concluso Cozzolino –  i 5 dirigenti comunali che hanno assicurato lo svolgimento delle attività di gioco, oltre ad essere in numero insufficiente rispetto al personale che ordinariamente presiede ai controlli di regolarità delle operazioni di gioco, non possedevano neanche l’adeguata formazione per svolgere il ruolo che sono stati invece chiamati ad esercitare, dal momento che la squadra di 5 dirigenti comunali era stata costituita dalla precedente amministrazione per il controllo della correttezza dei bilanci e della gestione amministrativa, e non per presiedere al controllo delle operazioni di gioco ai tavoli”.

 

PressGiochi

 

Casinò di Venezia: polemica per lo sciopero degli ispettori, casa da gioco sotto il controllo della polizia locale