26 Settembre 2020 - 03:46

Casinò di Venezia. Ancora “divergenza di idee” tra comune, dirigenza e sindacati

E’ scontro politico tra diversi soggetti interessati Casinò di Venezia. Per oggi, 27 giugno,  i vertici del Casinò  hanno convocato tutti i sindacati per illustrare il nuovo organigramma della casa

27 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

E’ scontro politico tra diversi soggetti interessati Casinò di Venezia. Per oggi, 27 giugno,  i vertici del Casinò  hanno convocato tutti i sindacati per illustrare il nuovo organigramma della casa da gioco dopo la lettera polemica inviata nei giorni scorsi proprio da tutte le sigle sindacali, per la mancanza, da mesi, di un tavolo di confronto. La Cgil, di contro, ha detto che “non intende presenziare al suddetto incontro, per una decisione verticistica della quale sono oscuri i criteri informatori”.  Proprio i nuovi vertici ed in particolare il nuovo DG Eros Ganzina non sarebbe per coloro che curano gli interessi dei lavoratori, l’uomo giusto per il rilancio. Un pessimismo, quello delle sigle sindacali che contrasterebbe con l’atteggiamento del sindaco Brugnaro che ha dichiarato: “Al mio insediamento, il Casinò aveva 6 milioni di euro di buco, abbiamo dovuto ripianare il debito. Quest’anno, per ora, siamo in pareggio Ristruttureremo tutto, diminuiremo il personale, tratteremo su mance, tempi di lavoro. La Casa da gioco va risanata”.

Casino di Venezia. “Insoddisfazione” dei sindacati dei lavoratori verso la nuova dirigenza

PressGiochi