30 Ottobre 2020 - 13:40

Casinò di Campione. Un ticinese ha vinto 147.800 franchi alle slot “Cherry”

  Al Casinò di Campione d’Italia, un quarantunenne di Ligornetto che a distanza di tre giorni si è portato a casa 147.800 franchi al termine di due serate fortunate in

25 Maggio 2017

Print Friendly, PDF & Email

 

Al Casinò di Campione d’Italia, un quarantunenne di Ligornetto che a distanza di tre giorni si è portato a casa 147.800 franchi al termine di due serate fortunate in compagnia delle “sue” Cherry, le “signore” preferite dai ticinesi perché pagano in valuta elvetica e spesso cedono alle lusinghe dei giocatori che le sanno corteggiare nel modo giusto.

 

 

Proprio come l’imprenditore che sabato sera e poi di nuovo martedì non è andato in bianco con la buona sorte indovinando per ben tre volte la combinazione vincente della slot al primo piano della casa da gioco. Sabato Cherry S l’ha premiato con 42.800 franchi e martedì gli è andata addirittura meglio, visto che se n’è andato con bottino di 95 mila franchi , vinti in due volte .Prima 55.000 ad una slot Cherry e un’ora dopo altri 50.000 a conclusione della serata.

 

 

Del resto, al Casinò Campione d’Italia si sa, le “signore” non sanno resistere al fascino degli svizzeri. Lo scorso 5 maggio a un brizzolato e tenebroso giocatore di Bellinzona una di loro aveva aperto il suo cuore portando in dote 150.895 franchi, a fronte di una puntata di appena 30 franchi, e nei giorni scorsi è stato accontentato e per ben tre volte anche l’aitante imprenditore del Sottoceneri. Non soffrano di gelosia le signore, la Cherry sa farsi ben volere anche da loro, basta chiedere alla settantaseienne ticinese che ieri pomeriggio ha vinto 50.460 franchi e al settimo cielo per la felicità ha stampato un bel bacio in fronte alla slot, tra gli applausi degli altri giocatori. Infine premio di consolazione per una sessantenne milanese a lei la fortuna ha portato in dote 19.440 euro.

 

 

Oggi che in tutta la Svizzera inizia il lungo weekend dell’Ascensione non ci sono scuse per rifiutare l’invito delle “signorine” di Campione d’Italia. Una piccola deviazione all’andata o al ritorno è d’obbligo perché qui, come recita il motto, la fortuna bacia…ogni tanto anche due volte di seguito.

 

 

PressGiochi