28 Settembre 2020 - 03:58

Carmagnola (TO). Il consiglio comunale al lavoro per regolare il gioco con il coinvolgimento dei gestori

Modena. Lenzini (PD): “L’emendamento sulle distanze della regione segnale forte e positivo”   Il consiglio comunale di Carmagnola nel torinese, a seguito di una mozione del M5S sta studiando le

07 Novembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Modena. Lenzini (PD): “L’emendamento sulle distanze della regione segnale forte e positivo”

 

Il consiglio comunale di Carmagnola nel torinese, a seguito di una mozione del M5S sta studiando le modalità di adeguamento della legge regionale attraverso un passaggio in commissione. La maggioranza intende anche dare “un occhio” ai posti di lavoro del settore e coinvolgere i gestori nel percorso di regolamentazione.

“Anziché adeguarci a scatola chiusa preferiamo analizzare il fenomeno sul nostro territorio, capirne la portata e quali siano gli strumenti più efficaci: da qui potremo partire per mettere a punto iniziative e soluzioni concrete -ha dichiarato il capogruppo di Forza Italia, Domenico La Mura – Teniamo anche conto dei posti di lavoro che, a Carmagnola, sono legati a questo settore: è una tematica complessa, che va studiata a fondo per intervenire al meglio”.

“Abbiamo già convocato sia le attività come centri scommesse, bar e tabaccherie, che i rappresentanti regionali dei produttori di slot machines, per studiare anche insieme a loro cosa significhi il gioco d’azzardo- ha proseguito Pasquale Sicilia, presidente della commissione incaricata nei lavori-  nel frattempo monitoriamo come si stanno muovendo anche i paesi limitrofi, in modo da dare una risposta uniforme a livello territoriale, a partire dagli orari di stop”.

 

PressGiochi