28 Settembre 2020 - 21:44

Camera, dl bilancio. Riammesso emendamento Mantero su divieto pubblicità, voto rimandato a domenica

Nella seduta di ieri alla Camera la commissione Bilancio ha riammesso l’emendamento a prima firma Mantero (M5S) con cui il deputato chiedeva “il divieto per il concessionario di qualsiasi forma, diretta o indiretta, di

17 Novembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Nella seduta di ieri alla Camera la commissione Bilancio ha riammesso l’emendamento a prima firma Mantero (M5S) con cui il deputato chiedeva “il divieto per il concessionario di qualsiasi forma, diretta o indiretta, di propaganda pubblicitaria, di ogni comunicazione commerciale, di sponsorizzazione o di promozione di marchi o prodotti e, più, in generale, propone nuovamente il divieto di qualsiasi forma, diretta o indiretta, di propaganda pubblicitaria, di ogni comunicazione commerciale, di sponsorizzazione o di promozione di marchi o prodotti di giochi con vincita in denaro, offerti in reti di raccolta, sia fisiche sia on line, da punire con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 500.000 per il soggetto che commissiona la comunicazione commerciale, la pubblicità, la sponsorizzazione o la promozione, il soggetto che le effettua, nonché il proprietario del mezzo con il quale esse sono diffuse.

La sanzione è irrogata al soggetto che commissiona la comunicazione commerciale, la pubblicità, la sponsorizzazione o la promozione, al soggetto che le effettua, nonché al proprietario del mezzo con il quale esse sono diffuse. I proventi derivanti dall’applicazione delle sanzioni di cui al presente comma sono destinati alla prevenzione, alla cura e alla riabilitazione delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d’azzardo, ai sensi dell’articolo 1, comma 133, della legge 23 dicembre 2014, n. 190. A partire dalla di entrata in vigore le clausole previste da decreti ministeriali ovvero da norme contrattuali previste da gare o bandi che destinano quote derivanti da giochi con vincite in denaro alla promozione pubblicitaria del gioco con vincite in denaro, sono nulle.
2-ter. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze da adottare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono stabilite le modalità e i criteri finalizzati all’attuazione del presente comma, ivi comprese le modalità di monitoraggio delle entrate dei proventi derivanti dal secondo periodo del presente comma.

Conseguentemente alla rubrica aggiungere le seguenti parole: e disposizioni in materia di giochi”.

“Introducendo previsioni in materia di divieto di pubblicità dei giochi, risulta connesso con disposizioni del disegno di legge che intervengono sul medesimo settore” queste le motivazioni che hanno convinto la Commissione a riammettere la proposta emendativa.

L’avvio delle votazioni sul ddl Bilancio in V Commissione alla Camera slitta a domenica, a partire dalle ore 15:30. 

PressGiochi