21 Settembre 2020 - 15:34

Caldaro: comune contro operatori su ordinanza anti-slot

Continua la battaglia legale del Comune di Caldaro a difesa l’ordinanza della sindaca Gertrud Benin Bernard relativa alla rimozione delle slot dopo il recente ricorso presentato da un operatore locale.

07 Maggio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Continua la battaglia legale del Comune di Caldaro a difesa l’ordinanza della sindaca Gertrud Benin Bernard relativa alla rimozione delle slot dopo il recente ricorso presentato da un operatore locale. Le macchinette, in questo caso, sono – secondo la giunta – in uno dei luoghi sensibili e il Comune ne ha ordinato la rimozione il 3 luglio 2014, ma la società caldarese ha presentato ricorso al Tar contro il provvedimento il 22 ottobre dello scorso anno.

La giunta comunale ha discusso la questione nella seduta dei giorni scorsi e ha deciso di costituirsi in giudizio per tutelare i propri interessi affidando un incarico in tal senso all’avvocato Anton von Walther di Bolzano. La delibera è stata dichiarata immediatamente esecutiva proprio per consentire al legale di iniziare subito la sua attività per conto del Comune. In ballo, infatti, non c’è solo la rimozione delle slot dai bar ma anche la difesa dell’ordinanza della sindaca numero 84 del 2014 e i verbali di accertamento del 3 ottobre 2013, del 4 gennaio 2013, del 21 gennaio e del 21 marzo 2014. Il Tar, almeno fino adesso, ha quasi sempre dato ragione ai Comuni, ritenendo prevalente l’interesse sociale su quello – prettamente economico – degli esercenti.

PressGiochi