28 Settembre 2020 - 23:47

Calcioscommesse: Codacons si costituisce parte offesa nel procedimento aperto dalla Procura di Catanzaro

Il Codacons presenta una formale richiesta di costituzione di parte offesa nel procedimento sul calcioscommesse aperto dalla Procura di Catanzaro. Ne dà notizia l’associazione dei consumatori, che nella vicenda rappresenta

21 Maggio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Il Codacons presenta una formale richiesta di costituzione di parte offesa nel procedimento sul calcioscommesse aperto dalla Procura di Catanzaro. Ne dà notizia l’associazione dei consumatori, che nella vicenda rappresenta gli utenti e i tifosi, evidentemente danneggiati dal fenomeno delle partite truccate.
“Ci costituiamo oggi parte offesa in rappresentanza della categoria dei tifosi italiani, soggetti lesi sul piano morale e patrimoniale dalle alterazioni delle partite – spiega il Presidente Carlo Rienzi – e chiederemo un risarcimento danni milionario nei confronti dei responsabili di quella che è a tutti gli effetti una truffa a danno della collettività”.
Ma non solo. L’associazione annuncia anche un modulo, che sarà pubblicato nelle prossime ore sul sito www.codacons.it, attraverso il quale i tifosi delle squadre coinvolte nell’inchiesta della Procura potranno chiedere un indennizzo in relazione agli incontri pilotati. Il danno subito da una moltitudine di soggetti è evidente: chi ha speso soldi per accedere agli stadi, per abbonamenti, trasferte, scommesse relative alle partite truccate, potrà chiedere un risarcimento ai responsabili degli illeciti, oltre che il danno sul piano morale, per la lesione della buona fede con cui un tifoso segue la propria squadra del cuore.

 

PressGiochi