24 Settembre 2020 - 20:23

Cagliari. Convegno sul gioco legale di ACADI. Crepet (psicologo): “Difficile intervenire sui ludopatici in spazi privati”

Si è tenuto a Cagliari il convegno sul gioco legale e organizzato dall’Associazione Nazionale ACADI Concessionari di Stato per gli Apparecchi da Intrattenimento, aderente a Confindustria Servizi innovativi e tecnologici. Presenti,

17 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Si è tenuto a Cagliari il convegno sul gioco legale e organizzato dall’Associazione Nazionale ACADI Concessionari di Stato per gli Apparecchi da Intrattenimento, aderente a Confindustria Servizi innovativi e tecnologici. Presenti, lo psichiatra Paolo Crepet, il Direttore del Serd di Cagliari Massimo Diana e l’Onorevole Pierpaolo Vargiu, gia’ Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera.

“Nei primi anni 2000 assistevamo al pieno della gara dell’illegalità del gioco d’azzardo: un abuso che è stato ridimensionato notevolmente nell’ultimo biennio grazie a un piano di regolamentazione attuato con lo Stato”. Ha dichiarato Stefano Baduini, Segretario Generale ACADI.

“E’ difficile andare a intervenire su chi soffre di patologia ludica e abusa del gioco in spazi privati – ha continuato Paolo Crepet –  con le nuove tecnologie non e’ necessario andare al bar per giocare e provare a vincere denaro, si può stare in camera propria. Ed è proprio in questo quadro che solo i media possono  intervenire e promuovere un piano di sensibilizzazione per raggiungere chi pubblicamente non e’ identificabile come giocatore patologico. Ciò che non e’ reato deve essere regolamentato: questo il concetto attorno al quale si concentra il pensiero della politica attuale”.

“A partire dal disegno di legge Balduzzi- ha concluso l’Onorevole Pierpaolo Vargiu – abbiamo tra i livelli essenziali di assistenza il gioco d’azzardo patologico: per cui chi si ammala di gioco, viene assistito dallo Stato in un percorso di riabilitazione, anche se da privilegiare sono gli interventi di prevenzione prima che di cura”.

PressGiochi