26 Settembre 2020 - 09:41

Bolzano. Stocker: “Contro il gioco non abbiamo intenzione di abbassare la guardia”

«Cercherò di capire se la sala giochi di Appiano ha le carte in regola per restare lì. Invierò subito una richiesta scritta al Comune. Di sicuro si tratta di una

22 Dicembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

«Cercherò di capire se la sala giochi di Appiano ha le carte in regola per restare lì. Invierò subito una richiesta scritta al Comune. Di sicuro si tratta di una posizione assolutamente infelice».

Sono le parole dell’assessore provinciale di Bolzano Martha Stocker in merito ad una sala vlt presente nel comune di Appiano di fronte al Distretto socio sanitario e ad una miriade di altri luoghi sensibili situati nel quartiere.

Il Tar, nell’ultimo periodo, aveva fatto le pulci alla giunta provinciale sostenendo che i Comuni dovevano essere maggiormente coinvolti.

«Ritoccheremo leggermente la legge nei punti ritenuti critici, ma i Comuni sono stati tutti regolarmente coinvolti attraverso il Consiglio dei Comuni ed erano pienamente d’accordo. L’impianto della legge resterà pertanto invariato e personalmente non ho intenzione di abbassare la guardia. Il caso di Appiano, in termini di distanze, è quantomeno paradossale. Una tentazione continua, soprattutto per i giocatori patologici, e tra essi ci sono anche anziani, casalinghe, operai e persone che non hanno certo grandi disponibilità economiche. In questa fase posso solo aggiungere che la nostra battaglia continua».

PressGiochi