19 Settembre 2020 - 08:56

Bolzano: bar toglie le slot e mette i totem. Il Tar conferma chiusura di 60 giorni

Il Tar Bolzano ha rigettato il ricorso di un barista colpevole di aver aggirato l’ordinanza sulle distanze del gioco dai luoghi sensibili installando dei totem per il gioco online. Il bar infatti rientrava tra le locations entro un raggio di 300 metri da diversi luoghi ritenuti sensibili all’azzardo.

16 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Tar Bolzano ha rigettato il ricorso di un barista colpevole di aver aggirato l’ordinanza sulle distanze del gioco dai luoghi sensibili installando dei totem per il gioco online. Il bar infatti rientrava tra le locations entro un raggio di 300 metri da diversi luoghi ritenuti sensibili all’azzardo.

La Guardia di finanza aveva rinvenuto e sequestrato nel locale pubblico in questione n. 3 apparecchi non rispondenti alle caratteristiche ed alle prescrizioni indicate dall’art. 110, commi 6 e 7 del TULPS. Attraverso la connessione telematica, detti apparecchi consentivano di effettuare giocate illecite sulle piattaforme on line (“c.d. totem”). Nei predetti verbali si contestavano altre infrazioni (mancata esposizione di materiale informativo e delle tabelle dei giochi proibiti) a carico della titolare del predetto esercizio pubblico.

Il sindaco di Bolzano ha quindi deciso di sospendere l’attività per 60 giorni.

 

Per il Tar, non appare “condivisibile la tesi (ricorrente, ndr) per cui l’entrata in vigore, in epoca successiva all’avvio del procedimento, della L.P. 7 agosto 2017, n. 12 (che sanziona l’utilizzo dei “totem” a prescindere dalla configurabilità di situazioni di pericolo per l’ordine pubblico), dimostrerebbe la necessità – per le fattispecie rientranti nella previgente disciplina – dell’esistenza di esigenze cautelari “ulteriori” rispetto a quella derivanti dalla mera violazione del divieto di installazione degli apparecchi da gioco di cui si tratta”.

 

La motivazione del sindaco “non si configura né irragionevole né sproporzionata, doverosamente ponderato la gravità dei fatti rappresentati e valutato la condotta del titolare dell’esercizio, fornendo adeguato supporto motivazionale all’irrogata sospensione disposta per una durata inferiore al massimo “edittale” previsto dalla legge”.

 

PressGiochi

Fonte immagine: https://www.sentres.com/it/city-tour/city-tour-a-bolzano