10 Agosto 2020 - 13:33

Bolzano: operatori del Bingo presentano esposto alla Corte dei Conti per danno erariale

La Provincia autonoma di Bolzano ha disposto la riapertura delle attività legate al gioco pubblico al 15 luglio a differenza di tutte le altre regioni che, seguendo le indicazione del

08 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Provincia autonoma di Bolzano ha disposto la riapertura delle attività legate al gioco pubblico al 15 luglio a differenza di tutte le altre regioni che, seguendo le indicazione del DPCM dell’11 giugno, sono ripartite a metà giugno.

Questo ha convinto una sala bingo, associata ad Ascob, a presentare un esposto alla Corte dei Conti di Bolzano nel quale si rappresenta una situazione di oggettiva disparità di trattamento per il gioco legale rispetto ad altre situazioni, trattamento non giustificato relativamente alla situazione del contagio evidenziando in particolare i dati relativi alla mancata raccolta legata al bingo e agli apparecchi nel periodo di chiusura.

Un’apertura così ritardata, d’altronde, non è giustificata né dalle norme anti-contagio covid19, né dalla situazione epidemiologica esistente sul territorio, in linea con il resto d’Italia.

Per quanto riguarda il comune di Bolzano, l’erario nell’ultimo anno ha incassato dal Bingo 350mila euro, 9 mln da Awp e 13 da Vlt. La sola sala ricorrente vanta versamenti preu per 1,8mln di euro.