24 Settembre 2020 - 02:35

Bologna. Sciopero dipendenti Snai: “Le trattative dell’azienda con gli imprenditori cinesi porteranno ricadute negative per lavoratori e clienti”

Parte oggi, 22 giugno, lo sciopero dei dipendenti delle sette agenzie di scommesse Snai di Bologna e provincia: niente scommesse per 24 ore, le prime otto domani, in concomitanza della partita

22 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

Parte oggi, 22 giugno, lo sciopero dei dipendenti delle sette agenzie di scommesse Snai di Bologna e provincia: niente scommesse per 24 ore, le prime otto domani, in concomitanza della partita della nazionale di calcio contro l’Irlanda.

“Gli appassionati di sport bolognesi dovranno rinunciare a scommettere sulla nazionale -commenta Stefano Biosa rappresentante della Filcams-Cgil, ma è un piccolo prezzo da pagare quando viene messo a repentaglio il futuro di 45 lavoratori, perché il lavoro non può essere una scommessa. In questi mesi l’azienda è stata impegnata in trattative con una cordata di imprenditori cinesi intenzionati ad acquisire le agenzie dirette”.

“Questa opzione comporterebbe una forte ricaduta sui livelli occupazionali e sulla sicurezza del servizio ai clienti- ha dichiarato la Cgil- I sedicenti imprenditori cinesi, infatti, presentatisi nei giorni scorsi per sopralluoghi tecnici in tutte le agenzie di Bologna, hanno già dichiarato che metteranno a casa tutti i dipendenti senza risposte concrete e impegni formali sul mantenimento dei posti di lavoro da parte di Snai, i lavoratori sono pronti a promuovere ulteriori e più forti azioni di contrasto della vendita delle agenzie”.

PressGiochi