06 Giugno 2023 - 14:03

Blackstone pensa alla quotazione in Borsa per CIRSA

Blackstone sta valutando varie opzioni strategiche per il suo asset nel Gruppo CIRSA operatore spagnolo di giochi d’azzardo, in cui il fondo di private equity statunitense sarebbe favorevole a un’offerta

10 Maggio 2023

Print Friendly, PDF & Email

Blackstone sta valutando varie opzioni strategiche per il suo asset nel Gruppo CIRSA operatore spagnolo di giochi d’azzardo, in cui il fondo di private equity statunitense sarebbe favorevole a un’offerta pubblica iniziale (IPO).

Il gruppo di acquisizione statunitense ha recentemente invitato le banche di investimento a proporre proposte per gestire una possibile vendita di azioni e rifinanziamento del debito di Cirsa, che secondo gli ultimi resoconti ammonta a circa 2,3 miliardi di euro.

Il trading dell’anno fiscale 2022 ha visto CIRSA dichiarare di aver riportato tutte le unità di business principali a sovraperformare i risultati pre-COVID 2019. È significativo che il gruppo di gioco d’azzardo spagnolo abbia dichiarato un EBITBA record nel 2022 di 525 milioni di euro.

La decisione se perseguire un’IPO potrebbe essere influenzata dalla recente performance poco brillante del peer italiano Lottomatica, le cui azioni hanno iniziato a essere negoziate a Milano dopo essere state sostenute da Apollo Global Management.

L’IPO di Lottomatica è stata valutata al minimo del suo intervallo di valutazione mirato e le sue azioni sono diminuite nel trading post-vendita. Usando la valutazione di Lottomatica come benchmark, CIRSA potrebbe valere diversi miliardi di euro, debito compreso.

Blackstone ha originariamente acquisito Cirsa nel 2018 per un valore aziendale di 2,2 miliardi di euro. Nel 2021, i media locali hanno riferito che Blackstone stava esplorando un’IPO per il gruppo, ma un accordo non si è mai concretizzato. Nel 2018, Blackstone ha assunto la proprietà di CIRSA, acquisendo la società dal fondatore Manuel Lao Hernandez, che avrebbe venduto l’attività per 2 miliardi di euro.

Nel 2022 CIRSA ha lavorato all’espansione della sua presenza di casinò in Marocco, dove ha ottenuto i diritti per aprire un nuovo casinò a Tangeri. In Europa, la società è entrata anche nel mercato del gioco online in Italia finalizzando l’acquisizione dell’operatore autorizzato E-Play24.

CIRSA opera in nove paesi, con 146 casinò, oltre 81.000 macchine ricreative, 78 sale bingo, 241 lounge e quasi 3.000 punti scommesse sportive. Il presidente di Cirsa, Joaquim Agut, ha elogiato le ottime prestazioni dell’azienda in un contesto economico complesso a causa delle restrizioni dovute al COVID-19 e dell’aumento dei costi. Ha riconosciuto l’impegno dell’intera organizzazione nel raggiungere gli obiettivi finanziari e di sostenibilità per il successo del ritorno alla crescita trimestrale storica e il superamento dei risultati pre-pandemia.

PressGiochi