29 Settembre 2020 - 00:09

Bingo. Tar Lazio: “E’ lecito omaggiare i clienti con cartelle”

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione Seconda, ha accolto il ricorso presentato da una sala Bingo che si è vista sospendere la convenzione di concessione, con conseguente chiusura per

26 Ottobre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione Seconda, ha accolto il ricorso presentato da una sala Bingo che si è vista sospendere la convenzione di concessione, con conseguente chiusura per un giorno della sala per aver omaggiato i funzionari preposti alla verifica ispettiva di 12 cartelle da 0,50 euro. Il provvedimento sarebbe stato adottato perchè tale inosservanza “contravviene con quanto disposto dall’art. 5 comma 4 del decreto direttoriale 16 novembre 2010”. Ma, per la sala, tale azione amministrativa è illegittima in quanto la ratio della norma sarebbe quella di vietare la concessione di credito ai giocatori per l’acquisto di cartelle al fine di impedire agli stessi di giocare oltre le loro effettive disponibilità finanziarie, “sicché la norma non potrebbe essere interpretata in via analogica per ricavarne un divieto di omaggio di cartelle, che non comporta alcun onere finanziario per il giocatore, tanto più che, trattandosi di norma sanzionatoria, ne sarebbe naturalmente preclusa qualunque applicazione in via analogica o estensiva”.

Per questo motivo il ricorso è stato accolto e  il provvedimento é stato annullato condannando l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli al pagamento delle spese del giudizio.

PressGiochi