19 Settembre 2020 - 10:56

Biella. Approvata mozione contro sale giochi e slot machine

E’ stata approvata ieri in consiglio comunale la mozione del Movimento 5 Stelle sul gioco d’azzardo, riveduta, corretta e rafforzata dagli emendamenti presentati dai tre gruppi di maggioranza. Sulla falsariga

23 Luglio 2015

Print Friendly, PDF & Email

E’ stata approvata ieri in consiglio comunale la mozione del Movimento 5 Stelle sul gioco d’azzardo, riveduta, corretta e rafforzata dagli emendamenti presentati dai tre gruppi di maggioranza. Sulla falsariga di  quanto già fatto nei capoluoghi vicini, ad esempio a Vercelli, la mozione impegna la giunta a formalizzare una serie di provvedimenti tesi a rendere la vita meno facile a chi ospita nel proprio esercizio slot machine o a chi ha aperto una sala giochi.

Tra le limitazioni che verranno introdotte, quella sugli orari di apertura, che saranno circoscritti tra le 9 e le 12 e tra le 14 e le 18. Inoltre i locali con slot dovranno essere posizionati a più di 500 metri a quelli che sono considerati luoghi sensibili, come scuole, centri anziani, case popolari, oratori, insomma ovunque possano ritrovarsi chi più soggetto al richiamo del gioco, ma non solo, dovranno essere ad almeno 150 metri da bancomat, sportelli postali o bancari e dai compro oro o da eventuali agenzie di prestito, questo, come evidente, per evitare gesti disperati da parte di chi ha perso e potrebbe cercare in ogni modo di recuperare con effetti ancora più dannosi.

Anche sotto il profilo dell’allestimento, le sale slot dovranno cambiare, evitando le vetrine oscurate e rendendo quindi i giocatori visibili dalla strada, oltre che aggiungendo vicino alle slot un cartello che ne spieghi la pericolosità. Il testo contiene anche una richiesta di moratoria sulle future licenze, mentre restano in sospeso eventuali sgravi fiscali per chi decida di non installare gli apparecchi nel proprio locale o negozio. Argomento che verrà affrontato in un secondo tempo.

“Non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto in consiglio e in commissione – spiega il capogruppo del Pd Sergio Leone – un buon esempio di collaborazione”.

PressGiochi