24 Settembre 2020 - 17:10

Bianca (Sapar): “Lavoriamo per l’apertura di un tavolo di confronto tra filiera e istituzioni”

“Abbiamo inviato a tutti i rappresentanti delle Conferenze Stato Regioni ed Unificata, oltre ai presidente dei capoluoghi di provincia italiani, un testo con nostre osservazioni riguardanti il riordino del settore

02 Dicembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Abbiamo inviato a tutti i rappresentanti delle Conferenze Stato Regioni ed Unificata, oltre ai presidente dei capoluoghi di provincia italiani, un testo con nostre osservazioni riguardanti il riordino del settore gioco”.

Lo comunica il segretario Sapar Corrado Luca Bianca facendo il punto sui lavori dell’associazione.

“La Sapar, infatti, ritiene necessario un intervento organico ragionato, equilibrato e privo di pregiudizi, anche attraverso l’apertura di un tavolo di confronto con tutta la filiera. Desideriamo lavorare insieme alle istituzioni e al mondo delle associazioni per rafforzare il contrasto e la prevenzione del gioco patologico; riaffermare il divieto assoluto di gioco per i minori; ribadire la dimensione ludica e d’intrattenimento, contro ogni deriva compulsiva e patologica; aumentare la qualità dell’offerta di gioco e gli standard di professionalità del personale gestore ed esercente; salvaguardare i livelli di occupazione, la capacità di creare valore economico e il gettito erariale che il lavoro di gestori ed esercenti è stato finora capace di garantire.

Questi punti chiave sono stati ribaditi anche nell’assemblea dei soci di Marche, Emilia e Romagna, che si è tenuta martedì 29 novembre a Bologna.

I presidenti di delegazione Ilario Luzi, Fausto Tabarroni, Roberto Renzi, con il supporto del presidente nazionale Raffaele Curcio e dell’Avv. Francesco Bertelli, hanno relazionato i numerosi soci presenti sull’andamento della Legge di Stabilità e sul possibile scenario che potrebbe aprirsi a seconda dei risultati del prossimo referendum.

L’avvocato Bertelli ha quindi analizzato gli aspetti della legge regionale dell’Emilia Romagna, rispondendo ai quesiti posti dalla platea”.

PressGiochi