13 Agosto 2020 - 04:28

Berlino: approvata legge che prevede la chiusura di 496 sale giochi

L’industria del gioco tedesca è stata scossa dall’annuncio che il legislatore di Berlino ha approvato il Berliner Spielhallengesetz, una legge che è stata in discussione diversi anni, che introduce nuove

08 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email


L’industria del gioco tedesca è stata scossa dall’annuncio che il legislatore di Berlino ha approvato il Berliner Spielhallengesetz, una legge che è stata in discussione diversi anni, che introduce nuove restrizioni sulle sale da gioco costringendo la maggior parte delle 496 sale giochi della città a chiudere.

Il Berliner Spielhallengesetz, stabilisce i requisiti minimi di distanza per le sale, imponendo che nessuna sede può trovarsi a meno di 500 metri da un’altra e che nessuna può essere a meno di 200 metri da una scuola o da una struttura giovanile. Inoltre, la legislazione stabilisce che i locali saranno limitati agli orari di apertura tra le 11:00 e le 3:00 e a otto dispositivi per sala giochi.

Il Dipartimento per gli affari economici, l’energia e le imprese del Senato dello stato tedesco ha annunciato nel giugno dello scorso anno che le regole sulla distanza minima sarebbero state attuate da giugno 2020. Da allora, 124 domande di rinnovo della licenza sono state respinte ai sensi delle normative commerciali e 36 a causa delle sedi trovandosi a meno di 200 metri da una scuola. Per i luoghi a cui è stato rifiutato un permesso, verrà ordinato di chiudere entro sei mesi.

Il Senato di Berlino ha osservato che 154 operatori legali hanno presentato 154 contenziosi, con lo stato prevalente in 101 casi. Ciò alla fine ridurrà il numero di sale da gioco legali in città a 120. Ci saranno un massimo di 960 macchine da gioco legali in funzione nella capitale tedesca.

Gauselmann, il principale operatore nazionale, stima che ci saranno solo 25 apparecchi legali ogni centomila cittadini.

Restrizioni simili sono state introdotte per i negozi di scommesse di Berlino, dal 1 ° ottobre. I bookmaker saranno inoltre soggetti alla distanza minima di 200 m da scuole, strutture per bambini e giovani, nonché da luoghi sportivi. Ci sarà anche una distanza minima di 500 m tra i negozi di scommesse a partire da quella data, e ci devono essere almeno due chilometri di distanza tra i negozi di scommesse gestiti dalla stessa società.

 

PressGiochi