26 Ottobre 2020 - 06:00

Belgio. L’Unione Europea indaga sui negozi di scommesse virtuali di Ladbrokes

Le agenzie antitrust dell’Unione Europea (UE) dovrebbero svolgere un’indagine sulla concessione di scommesse virtuali di Ladbrokes in Belgio per accertare se detiene il diritto esclusivo di gestire servizi che possono essere riconosciuti come “sovvenzione statale ingiusta”.

03 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Le agenzie antitrust dell’Unione Europea (UE) dovrebbero svolgere un’indagine sulla concessione di scommesse virtuali di Ladbrokes in Belgio per accertare se detiene il diritto esclusivo di gestire servizi che possono essere riconosciuti come “sovvenzione statale ingiusta”. Segnalata da Bloomberg, l’indagine dell’UE fa seguito alle denunce presentate da altri due operatori di gioco dopo che a Ladbrokes sono stati concessi i diritti di gestire centri di scommesse digitali nei negozi dal 2014 e online dal 2015.

L’UE ha dichiarato: “La Commissione teme che l’autorizzazione concessa a Ladbrokes possa aver portato la società di scommesse a godere di un diritto esclusivo de facto di gestire scommesse virtuali in Belgio dal 2014, senza alcuna remunerazione a favore dello stato belga in cambio da Ladbrokes in cambio. La Commissione dubita che sia conforme alle norme dell’UE sugli aiuti di Stato”. Ladbrokes è gestita in Belgio da Derby SA, una controllata di GVC Holdings ed è leader di mercato con circa 300 agenzie di scommesse nel paese. Il regolatore ha aggiunto che ad altri operatori è stato negato il diritto di gestire negozi di scommesse virtuali nel 2015 e nel 2016. Avendo recentemente pubblicato i suoi risultati per il primo semestre, Ladbrokes ha avuto un impatto al dettaglio significativo sia nelle sue unità europee che in quelle del Regno Unito che hanno portato il gruppo di operatori a riadattare la sua previsione di EBITDA per l’intero anno a £720m- £740m.

 

 

PressGiochi