19 Gennaio 2021 - 03:06

Belgio. Il Flemish Department of Education and Trainin introdurrà i videogiochi nell’istruzione ordinaria

Il Flemish Department of Education and Trainin è diventato il secondo Ministero del governo europeo (dopo la Polonia) a riconoscere il valore dell’integrazione dei videogiochi nell’educazione, commissionando il toolbox Game.Learn.Grow, sviluppato da Arteveldehogeschool e Mediawijs.

23 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Flemish Department of Education and Trainin è diventato il secondo Ministero del governo europeo (dopo la Polonia) a riconoscere il valore dell’integrazione dei videogiochi nell’educazione, commissionando il toolbox Game.Learn.Grow, sviluppato da Arteveldehogeschool e Mediawijs. Il toolbox funge da guida pratica per gli insegnanti delle scuole elementari e superiori con oltre 30 attività pronte per l’uso per diverse fasce d’età, tra cui l’esplorazione dell’antica Grecia in “Assassin’s Creed”, la ricostruzione della scuola in “Minecraft”, fogli di lezione e strumenti affinché gli insegnanti creino le proprie attività realizzati sui videogiochi.

David Verbruggen, portavoce del settore dei videogiochi fiammingo / belga ha spiegato: “Siamo felici per il Game.Learn.Grow e desideriamo ringraziare il Flemish Department of Education and Trainin, Arteveldehogeschool e Mediawijs per aver reso possibile tutto ciò. Speriamo che gli strumenti portino un database in continua espansione di contenuti di qualità ricerca sui giochi che dimostrino che i giochi in classe sono destinati a restare”. Simon Little, CEO di ISFE ha dichiarato: “È estremamente emozionante vedere un altro governo europeo riconoscere in questo modo il valore dei videogiochi per l’istruzione. Sappiamo dal nostro progetto Games in Schools che i videogiochi hanno un ruolo entusiasmante da svolgere in classe, ispirando un interesse per STEM, dotando gli studenti di competenze digitali, aumentando il coinvolgimento degli studenti e i risultati di apprendimento, sviluppando team building, problem solving e agilità mentale”.

Il manuale per gli insegnanti di Games in Schools dell’ISFE è stato ora aggiunto a Klascement, la piattaforma ufficiale degli insegnanti nelle Fiandre. Il governo fiammingo ha anche appena annunciato un fondo di 100mila euro per sostenere il settore dei videogiochi durante la pandemia. Mentre le vendite di videogiochi sul mercato sono salite alle stelle durante il blocco, le aziende con giochi ancora in fase di sviluppo sono state colpite dal lavoro a distanza, dalla malattia dei dipendenti e molto altro ancora. Il ministro fiammingo dei media Benjamin Dalle ha fatto riferimento al fiorente e innovativo settore dei giochi nelle Fiandre e all’importanza di investire nelle sue società di videogiochi.

 

 

 

PressGiochi