15 Agosto 2020 - 15:17

Bastiglia. L’opposizione contro l’apertura di una nuova sala scommesse

In via Canaletto a Bastiglia, a qualche centinaio di metri dal centro del Paese, sta per aprire una sala scommesse di grosse dimensioni. Le insegne sono già state installate, ma

07 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

In via Canaletto a Bastiglia, a qualche centinaio di metri dal centro del Paese, sta per aprire una sala scommesse di grosse dimensioni. Le insegne sono già state installate, ma ora l’opposizione in Consiglio comunale chiede alla giunta a guida Pd di fare chiarezza su questa grande struttura e sugli effetti che potrà avere sulla vita della piccola comunità locale.

 

‘Come noto con delibera regionale 831/2017 è fatto divieto di apertura e di esercizio delle sale gioco e scommesse e la installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo entro una distanza di 500 metri da scuole, luoghi di aggregazione giovanili e di culto – ricorda il consigliere comunale Gerardo Maffei della lista Uniti per Bastiglia -. La legge regionale prevede che la distanza sia calcolata secondo il percorso pedonale più breve. Il criterio è dunque quello della distanza pedonale. La misurazione va effettuata dall’ingresso considerato come principale rispettivamente della sala giochi o della sala scommesse o dell’esercizio in cui l’apparecchio è installato e quello del luogo sensibile. Ebbene – chiede Maffei -, a quanti metri esattamente si trova la nuova sala scommesse rispetto alla scuola materna parrocchiale Santa Maria Assunta, alla Polisportiva Polivalente Forum Bastiglia o al punto sensibile più vicino presente nel Comune?’.

‘Sono noti gli effetti nefasti della dipendenza da gioco d’azzardo e sono altresì noti gli effetti negativi a livello sociale e di sicurezza urbana creati dalla presenza di una grande struttura di questo tipo, come dimostrano gli episodi di degrado spesso descritti dalle cronache locali – continua il consigliere -. Nel 2019 i modenesi, secondo i dati dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno speso 245 milioni di euro in gioco d’azzardo, in aumento rispetto al 2018. Date queste premesse, la giunta comunale può dirsi schierata in modo netto contro il diffondersi del gioco d’azzardo? La giunta comunale di Bastiglia ha fatto tutto quanto è nelle sue prerogative per evitare l’apertura di un grande centro di gioco d’azzardo come quello che sta nascere in via Canaletto? E’ stato fatto un incontro con la proprietà? Se sì, cosa è emerso? Quando è prevista l’apertura della sala, quante postazioni di gioco ospiterà e quali saranno gli orari di apertura? E’ stato fatto un calcolo sui flussi di traffico legati alla nuova struttura? Se sì quali sono le previsioni emerse?’.

E infine le conseguenze sulla economia locale. ‘Quante altre strutture sul territorio comunale ospitano singoli apparecchi autorizzati per il gioco d’azzardo? Si è fatto un calcolo su quanto questa mega struttura impatterà sulla attività economica, pur connessa al gioco d’azzardo legale, dei piccoli esercenti locali che ospitano nei loro spazi magari un unico apparecchio? – chiude Maffei – E’ prevista una compensazione economica a vantaggio del Comune di Bastiglia per il possibile disagio che questa struttura creerà?’.

 

PressGiochi