24 Settembre 2020 - 03:18

Baretta: “Sui giochi interverremo in Conferenza Unificata, esclusa possibilità di un decreto parlamentare ad hoc”

Decisi a portare avanti l’accordo per un riordino del settore dei giochi pubblici attraverso la collaborazione con le Regioni e gli Enti locali da concludere in sede di Conferenza Unificata.

28 Ottobre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Decisi a portare avanti l’accordo per un riordino del settore dei giochi pubblici attraverso la collaborazione con le Regioni e gli Enti locali da concludere in sede di Conferenza Unificata. Non pensiamo assolutamente di intervenire sulla questione attraverso un decreto ad hoc da approvare per via parlamentare indipendentemente da quello che verrà previsto nella legge di Bilancio 2017.

 

Lo conferma a PressGiochi il sottosegretario all’Economia con delega ai Giochi Pier Paolo Baretta all’indomani del rinvio della riunione che avrebbe dovuto essere decisiva per la conclusione di un accordo sui giochi con gli enti locali.

Nonostante i vari interventi proposti per una razionalizzazione dell’offerta sul territorio, a partire dalla riduzione delle slot in bar e tabaccherie e classificazione delle sale in categorie, le regioni e i comuni attendono dal Governo ulteriori elementi che possano portare ad un riconoscimento delle norme regionali emanate e ad una reale riduzione dell’azzardo, per dare il proprio benestare all’intesa.

Nel frattempo il Governo lavora alla Legge di Bilancio, che come aveva anticipato Baretta non avrebbe contenuto grossi elementi di novità sulla materia del gioco pubblico, viste le intenzioni del Governo di intervenire in sede di Conferenza Unificata con un provvedimento complessivo. Tra le novità che compaiono al momento nella Manovra, la gara per il Superenalotto e lotteria degli scontrini a partire dal 2018.

 

PressGiochi

Conferenza Unificata. Rinviata per il terremoto

 

Legge di Bilancio: nella bozza, lotteria degli scontrini e gara del Superenalotto