25 Settembre 2020 - 13:23

AWP remote. Agcai: “Il progetto di SGI non tutela l’intera filiera”

Il progetto attuativo presentato dal tavolo tecnico di SISTEMA GIOCO ITALIA  di cui As.Tro fa parte, non tutela, di fatto, l’intera filiera in quanto mette esclusivamente nelle mani del concessionario

13 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

Il progetto attuativo presentato dal tavolo tecnico di SISTEMA GIOCO ITALIA  di cui As.Tro fa parte, non tutela, di fatto, l’intera filiera in quanto mette esclusivamente nelle mani del concessionario – tramite il download da effettuarsi sulla macchina da ambiente remoto –    “tutto il gioco” ed in questo modo il concessionario sarebbe l’unico soggetto autorizzato a costruire, commercializzare ed istallare tutto il gioco stesso;  è di tutta evidenza che così facendo verrebbero ad essere eliminati prima o poi tutti i produttori e i gestori.

L’ afferma l’associazione di gestori e costruttori di apparecchi da intrattenimento Agcai che in queste settimane ha presentato un proprio di awp da remoto che mira a salvaguardare l’operatività delle varie professionalità della filiera del gioco pubblico dai concessionari ai gestori, noleggiatori fino agli esercenti.

Continua ancora l’Agcai,  con il progetto di SGI sostenuto da Astro “Si ridurrebbe così l’intera filiera al solo  concessionario ed esercente  e, qualora  l’esercente fosse anche il concessionario (come nelle sale di proprietà), la filiera sarebbe composta dal solo concessionario.  Il progetto innovativo non può e non deve portare, quindi, alla distruzione di un intero settore  salvo che la finalità di chi ha elaborato il progetto stesso non sia proprio questo”.

PressGiochi

 

Agge Sardegna querela l’ass. Beccalossi. Pirrello: “La filiera dia un segnale in occasione del Referendum”