31 Ottobre 2020 - 05:11

Austria. Casinos Austria registra una perdita di 10,3 milioni di euro nel primo semestre

Casinos Austria International (CAI) ha registrato una perdita di 10,3 milioni di euro nel primo semestre poiché i ricavi sono scesi del 30,5% su base annua a 52,8 milioni di euro.

02 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Casinos Austria International (CAI) ha registrato una perdita di 10,3 milioni di euro nel primo semestre poiché i ricavi sono scesi del 30,5% su base annua a 52,8 milioni di euro. CAI è la filiale di Casinos Austria che gestisce sedi in altri paesi. Nello stesso periodo del 2019 aveva realizzato un profitto di 6,2 milioni di euro e afferma: “L’economia globale si è contratta in modo significativo, soprattutto nel secondo trimestre del 2020, a causa delle misure a volte drastiche adottate per contenere il Coronavirus. L’industria dei giochi terrestri è una delle industrie più colpite. Mentre i ricavi di gioco del Casinos Austria International Group a gennaio e febbraio 2020 sono stati superiori dell’11% rispetto all’anno precedente, tutti i casinò hanno dovuto chiudere a marzo 2020. La direzione ha immediatamente preso tutte le misure per contenere le spese. Fortunatamente, nelle prime settimane dall’apertura sono stati raggiunti buoni ricavi da gioco”.

Casinos Austria dichiara che i casinò riaperti stanno ora lavorando per il 70% del loro GGR giornaliero pre-blocco, con piccole eccezioni che generano più entrate dopo la riapertura. La Germania rimane la principale fonte di entrate di CAI (30,1 milioni di euro per il primo semestre), seguita dal Belgio (10,6 milioni di euro), Svizzera (6,8 milioni di euro) e Danimarca (6,2 milioni di euro), Liechtenstein (5,5 milioni di euro). Sia l’Australia che l’Ungheria hanno contribuito con 4,3 milioni di euro. A luglio, Casinos Austria ha annunciato un’importante ristrutturazione a seguito della chiusura dell’acquisizione da parte di Sazka della quota di maggioranza della società.

 

 

PressGiochi