03 Febbraio 2023 - 12:09

Australia: società di gioco d’azzardo accusate di offrire scommesse su partite sportive per minorenni

Un’indagine ha rivelato che Sportsbet, TAB e bet365 avevano offerto scommesse sulla Coppa del Mondo T20 femminile Under 19 in Sud Africa.

25 Gennaio 2023

Print Friendly, PDF & Email

Un’indagine condotta dalla ABC ha rivelato che tre delle più grandi società di gioco d’azzardo australiane offrono scommesse su partite internazionali di cricket in cui giocano minorenni. La notizia è arrivata alle orecchie del commissario nazionale per i bambini del paese, Anne Hollands, che ha chiesto leggi per vietare le scommesse su eventi sportivi che coinvolgono partecipanti minorenni.

Le società coinvolte nel caso sono Sportsbet, TAB e bet365 che hanno offerto scommesse sulla Coppa del mondo femminile U-19 T20 che si svolgerà questo mese in Sudafrica.

Sportsbet ha rifiutato di rispondere alle domande della ABC, ma ha rilasciato una dichiarazione affermando che “non fornisce mercati di scommesse per competizioni o eventi under 18”.

TAB e bet365, che è sponsor di Cricket Australia, non hanno risposto alle richieste di commento. Sebbene finora non sia stata rilevata alcuna prova che un giocatore del torneo sia stato coinvolto in partite truccate, gli specialisti hanno affermato che questo tipo di pratica potrebbe essere dannosa per i giovani atleti.

Catherine Ordway, specialista in integrità sportiva dell’Università di Canberra, ha dichiarato: “La combinazione di scommesse in-play e giovani solleva immediatamente bandiere rosse. Abbiamo visto tecniche di toelettatura utilizzate da truccatori di partite che prendono di mira le persone vulnerabili e cercano di convincerle a lanciare partite o perdere punti per offrire un vantaggio di gioco”.

Ha poi aggiunto: “I giovani giocatori spesso non hanno le conoscenze o l’esperienza di vita per apprezzare che quello che potrebbe sembrare un complimento innocente sui social media potrebbe essere parte di un piano più ampio per iniziare a prepararli per le partite truccate”.

Lo scorso novembre, l’Australian Transaction Reports and Analysis Centre (AUSTRAC) ha annunciato di aver avviato un’indagine di contrasto su Sportsbet e Bet365 con il sospetto che non rispettassero le leggi antiriciclaggio.

 

PressGiochi