19 Gennaio 2021 - 13:23

Astro scrive al Governo: “Misure urgenti a tutela degli imprenditori del settore gioco pubblico”

L’associazione As.Tro ha inviato un’istanza alle Istituzioni governative per chiedere l’adozione di misure urgenti a tutela degli imprenditori del settore gioco pubblico. L’Associazione, in particolare, ha avanzato una richiesta di

13 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

L’associazione As.Tro ha inviato un’istanza alle Istituzioni governative per chiedere l’adozione di misure urgenti a tutela degli imprenditori del settore gioco pubblico.

L’Associazione, in particolare, ha avanzato una richiesta di sostegno per le aziende del comparto, finalizzata a fronteggiare le gravi ripercussioni economiche causate dall’emergenza sanitaria: la recrudescenza della pandemia registrata nelle ultime settimane, proprio in un momento in cui il settore del gioco pubblico -come l’intera economia nazionale- stava faticosamente riavviandosi, rischia di provocare danni irreparabili per gli operatori.

Il quadro attuale è aggravato, poi, da uno stato di profonda incertezza scaturita dall’ impossibilità di immaginare una data per il riavvio delle attività: in questo scenario diventano fondamentali ulteriori interventi, soprattutto sul fronte fiscale, per garantire la sopravvivenza e la continuità delle imprese di gioco legale ed in ragione di ciò As.Tro si è resa disponibile a ogni forma di interlocuzione con le Istituzioni per meglio approfondire le questioni più urgenti che riguardano il comparto.

 

Nello specifico Astro chiede di sospendere tutti i pagamenti delle rate del Preu aventi scadenza nel periodo compreso dal 3 novembre 2020 fino alla data di riapertura delle attività, ivi comprese le rate, ancora in corso di pagamento, conseguenti alla sospensione dei pagamenti, a suo tempo introdotta dall’art. 69 del dl Cura Italia.

Si chiede anche di rimodulare le aliquote del preu fissandole nella misura che il DL 87/2018 aveva previsto a partire da gennaio 2021: 19,75% per le Awp e 6,75% per le Vlt.

Astro interviene anche sul fronte scommesse chiedendo un ricalcolo per la proroga onerosa delle concessioni. “Analogamente a quanto già autorizzato con la proroga del versamento della seconda rata per il 2020, riteniamo che tale proroga debba essere estesa alla prima rata del 2021”.

 

PressGiochi