30 Giugno 2022 - 15:38

Amusement. Crisanti (Anesv) a PressGiochi: “Irrazionale ritenere illegale un gioco senza vincita in denaro solo perché dotato di ruote e rulli”

Avremmo apprezzato che l’emendamento Villarosa deregolamentasse anche gli eSport

10 Giugno 2022

Print Friendly, PDF & Email

“Finalmente c’è un evidente interessamento della politica verso un settore, quello del gioco di puro intrattenimento, troppo spesso confuso con il gioco con vincita in denaro sia dal legislatore, con l’articolo 38 della legge 388/2000, e conseguentemente dalle norme applicative emesse dal regolatore” afferma a PressGiochi Maurizio Crisanti di Anesv commentando l’emendamento presentato ieri dall’on. del gruppo Misto Alessio Villarosa.

“Inserire i giochi meccanici ed elettromeccanici in un contesto normativo europeo, che non ne dispone l’omologazione, è un primo passo verso un’attenuazione della iper regolamentazione che attanaglia il settore. Avremmo apprezzato che l’emendamento deregolamentasse anche gli eSport, ma l’on.le Villarosa ha comunque colto molte delle problematiche evidenziate dai gestori, da una parte costretti a rottamare centinaia di apparecchi e dall’altra impossibilitati a trovare sul mercato nuovi giochi di qualità equivalente, visti i problemi legati alle omologhe. Ritenere illegale un gioco senza vincita in denaro solo perché dotato di ruote e rulli, ad esempio, ma comandati solo meccanicamente, senza interventi di micromotori e software che condizionano l’arresto, è veramente irrazionale. Resta aperto il tema dei giochi dello spettacolo viaggiante e degli eSport, ma a monte di tutto è molto richiesta da tutto il settore della produzione ed esercizio una revisione delle regole tecniche del 2021 per semplificare sostanzialmente la procedura di omologazione e attenuare la richiesta di produrre documentazione che non è in possesso di importatori, produttori e gestori perchè coperta peraltro da segreto industriale, come i codici sorgente.”

PressGiochi