22 Settembre 2020 - 13:58

Alberti (Pd) contro campagna gestori di slot: “Approvare in comune un regolamento sull’azzardo che si inattaccabile”

“Dobbiamo insistere sul messaggio opposto a quello dei manifesti con i quali è stata tappezzata la città. Con queste parole Gabriele Alberti, consigliere comunale del Pd di Prato commenta alla

22 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Dobbiamo insistere sul messaggio opposto a quello dei manifesti con i quali è stata tappezzata la città. Con queste parole Gabriele Alberti, consigliere comunale del Pd di Prato commenta alla campagna pubblicitaria avviata da alcuni gestori di sale giochi che hanno scelto di diffondere, sui mezzi pubblici ed alle fermate delle autolinee Cap, una campagna pubblicitaria che “punta” sul connubio sale slot, Vlt e nuove opportunità di lavoro “Dipendenti del gioco. Creiamo lavoro anche dal gioco”.

Alberti  ha ricordato il suo lavoro insieme al Sert di Prato e alle associazioni per arrivare alla definizione del regolamento. “Va accettato – ha detto – il diritto di libero commercio, ma quello che fa scandalo è il proliferare di tali attività con le problematiche connesse alla dipendenza da gioco. E Prato, dati alla mano del Sert, è fra le città dove il fenomeno del gioco d’azzardo è maggiormente diffuso. Vogliamo cercare di rendere consapevoli i gestori su come ci possiamo muovere.

La volontà dell’amministrazione comunale – ha ricordato Alberti – è di arrivare quanto prima alla stesura di un regolamento che sia inattaccabile”.

“Stiamo lavorando – ha detto Rosanna Sciumbata, presidente della prima commissione consiliare – da un bel pezzo con tante idee innovative, come per esempio la revisione dei luoghi sensibili. Il sindaco si è dimostrato attento, fin dalla campagna elettorale, nel volere arginare il fenomeno della ludopatia. Abbiamo avuto un incontro con i consiglieri regionali per capire come e fino a dove il Comune si possa muovere. Dobbiamo, infatti, fare i conti con le normative regionali e nazionali. Purtroppo abbiamo ricevuto risposte vaghe».

PressGiochi

 

Prato. Polemiche dopo la pubblicità su gioco e lavoro delle autolinee locali