24 Settembre 2020 - 04:29

AGCOM rinnova il CNU, tagliato fuori Del Grosso, colpevole di aver criticato le Linee Guida sul divieto di pubblicità del gioco d’azzardo

Nei giorni scorsi, con delibera del 22 luglio, è stato rinnovato il Consiglio Nazionale degli Utenti, organismo “consultivo” di AGCOM. Il Consiglio Nazionale degli Utenti, istituito nel 1997, è composto

10 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Nei giorni scorsi, con delibera del 22 luglio, è stato rinnovato il Consiglio Nazionale degli Utenti, organismo “consultivo” di AGCOM.

Il Consiglio Nazionale degli Utenti, istituito nel 1997, è composto da esperti designati dalle associazioni rappresentative delle varie categorie degli utenti dei servizi di telecomunicazioni e radiotelevisivi fra persone qualificate in campo giuridico, sociologico, psicologico, pedagogico, educativo e mass-mediale e ha il compito di esprimere pareri e proposte all’Autorità, al Parlamento e al Governo su questioni concernenti la salvaguardia dei diritti e le legittime esigenze dei cittadini.

 

Con il rinnovo, sono stati chiamati a far parte del CNU, personalità come Vincenzo Franceschelli (Associazione U.Di.Con. – Unione per la difesa dei consumatori), Sandra Cioffi (Associazione S.O.S. – Il Telefono Azzurro Onlus), Stefania Leone (Associazione Disabili Visivi Onlus), Mariano Baldi (Movimento Difesa del cittadino), Dino Cimaglia (Associazione Unione Nazionale Consumatori – UNC), Giovanni Baggio (AIART – Associazione cittadini mediali onlus), Mario Russo (AGEDO Nazionale onlus – Associazione di genitori, parenti e amici 3 342/20/CONS di persone LGBT), Furio Truzzi (Associazione Assoutenti), Antonio Affinita (Associazione MOIGE – MOvimento Italiano Genitori), Matteo Santini (Associazione Centro Studi e ricerche sul diritto della famiglia e dei minori), Emilia Visco (C.N.D.I. – Consiglio Nazionale Donne Italiane e Fnism – Federazione Nazionale Insegnanti).

 

Tale “rotazione” ha colpito il vice presidente uscente, Remigio Del Grusso, che più volte in questi anni si è espresso pubblicamente contro le Linee Guida sul divieto di pubblicità del gioco d’azzardo inserite all’articolo 9 del Decreto Dignità.

 

“In verità, – critica il vicepresidente uscente – il Consiglio previsto dalla legge istituiva dell’Autorità del ’97, non è stato quasi mai consultato. Cionondimeno, pochi giorni fa, il quasi dimezzato Collegio Agcom uscente ha approvato in “articulo mortis”, dopo pochi giorni dalla elezione dei nuovi commissari, il rinnovo del CNU, scaduto nel 2019.

La procedura di nomina, inoltre, non è stata molto trasparente, in quanto una fantomatica “commissione interna” ha previsto una rotazione degli “esperti” che già avevano fatto parte del CNU, mentre non ha previsto una rotazione delle associazioni rappresentate. Tra gli undici nominati, peraltro, figurano anche due ex dipendenti Agcom”.

“La mia bocciatura – rincara la dose Del Grosso a PressGiochi – porta la firma del commissario Agcom relatore del provvedimento Mario Morcellini (PD) e del Segretario Generale pro-tempore Nicola Sansalone”.

 

PressGiochi