21 Gennaio 2021 - 15:25

ADM. Veneto e Friuli-Venezia Giulia: controlli mirati sul divieto di gioco tramite apparecchi

Nell’ambito delle attività svolte sul territorio, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) del Veneto e Friuli Venezia Giulia hanno effettuato, nei giorni scorsi, una serie di controlli per la

26 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Nell’ambito delle attività svolte sul territorio, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) del Veneto e Friuli Venezia Giulia hanno effettuato, nei giorni scorsi, una serie di controlli per la verifica del rispetto dell’art.1 comma 9 lettera l) del DPCM 3.11.2020, sulla sospensione delle attività di raccolta del gioco pubblico mediante apparecchi da intrattenimento. Le operazioni hanno portato a riscontare, tramite la lettura dei dati di gioco, che in diversi esercizi pubblici (8 in Veneto e 2 in Friuli Venezia Giulia), alcuni apparecchi sono stati accesi in offerta di gioco oltre il 6 novembre, contravvenendo così al divieto previsto dalla normativa vigente.

In base all’art. 4 del D.L. 19/2020 convertito in L. 35/2020, sono state applicate sanzioni amministrative per un totale, nel minimo, di 4.000 euro. I funzionari ADM hanno, inoltre, sequestrato, in un esercizio di Nogarole Rocca (VR), un apparecchio da intrattenimento risultato irregolare, per la difformità tra il cabinet e la scheda di gioco, con violazione dell’art. 110 co. 9 f-quater TULPS, contestando al titolare dell’esercizio e al proprietario dell’apparecchio, la relativa sanzion eamministrativa per un totale di 20.000 euro.

 

 

 

PressGiochi