06 Dicembre 2022 - 14:30

ADM: scoperti in una sala giochi di Caccamo pc per il gioco illegale

Una nuova operazione di ADM per il contrasto del gioco illecito in Sicilia ha condotto alla scoperta di un’evasione sanzionata per oltre 255mila euro. I funzionari degli uffici di Palermo,

13 Ottobre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Una nuova operazione di ADM per il contrasto del gioco illecito in Sicilia ha condotto alla scoperta di un’evasione sanzionata per oltre 255mila euro. I funzionari degli uffici di Palermo, in collaborazione con i Carabinieri della Stazione di Caccamo, hanno ritrovato in una sala giochi numerosi computer utilizzati per giochi da casinò e nascosti in una stanza accessibile tramite un interruttore sotto il banco del titolare. Il pc del gestore è stato sottoposto a sequestro penale perché utilizzato per effettuare scommesse online senza licenza.

L’ufficio di accertamento tributario ADM di Palermo procederà al recupero dell’Imposta Unica non versata.


Nell’ambito dell’attività di controllo e presidio del territorio siciliano, finalizzato a contrastare il fenomeno del gioco illegale, i funzionari ADM dell’Ufficio dei Monopoli di Palermo, in collaborazione con i Carabinieri  della Stazione di Caccamo, hanno effettuato  un controllo presso una Sala giochi, dove, all’interno,  sono stati rinvenuti numerosi Personal Computer posti  in  una stanza chiusa, accessibile tramite un interruttore collocato  sotto il banco del titolare dell’esercizio.

Quattro apparecchiature elettroniche sono state poste sotto sequestro amministrativo perché destinate all’utilizzo per giochi da casinò collegati a un sito estero, mentre il p.c. utilizzato dal gestore è stato sequestrato penalmente, in quanto consentiva di effettuare scommesse on line senza alcuna licenza rilasciata dal Questore per l’esercizio delle scommesse né l’autorizzazione dell’Agenzia in quanto effettuate su un sito illegale.

Presso lo stesso esercizio, trasformato in Internet Point, già la ascosa estate erano state sequestrate tre slot non collegate in rete, prive di nulla osta e codici identificativi.

Sono state elevate sanzioni per oltre 255.000 euro e il titolare è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

L’Ufficio di accertamento tributario dei Monopoli di Palermo procederà, successivamente, a recuperare l’Imposta Unica sulle scommesse dovuta all’Erario non versata.

 

PressGiochi