04 Dicembre 2022 - 07:11

Ad Acerra, un appartamento per persone dipendenti dal gioco d’azzardo

Ad Acerra in provincia di Napoli, nasce il primo gruppo appartamento destinato a persone che hanno una dipendenza dal gioco d’azzardo. La struttura che ospiterà quattro persone inserite in un percorso di riabilitazione e

09 Settembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Ad Acerra in provincia di Napoli, nasce il primo gruppo appartamento destinato a persone che hanno una dipendenza dal gioco d’azzardo. La struttura che ospiterà quattro persone inserite in un percorso di riabilitazione e cura della ludopatia, sarà inaugurata martedì 13 settembre 2022 alle ore 12 in via Regina Sibilia, 24.

Atteso l’intervento del vescovo di Acerra Antonio Di Donna, dei rappresentanti istituzionali e ci sarà la testimonianza di un utente in piano terapeutico individualizzato che racconterà la sua esperienza e quanto possa essere dannosa sia la ludopatia e sia un approccio non sistemico.

Il gruppo appartamento nasce nell’ambito del progetto sociale Game Over sostenuto da Fondazione CON IL SUD e a gestirlo sarà la cooperativa sociale “Officina dei Talenti ONLUS” da sempre impegnata alla realizzazione di progetti rivolti a soggetti svantaggiati, provenienti per lo più dall’area penale e da quella delle dipendenze patologiche.

L’obiettivo del progetto Game Over, è arginare la ludopatia in un sistema di presa in carico che vede Istituzioni e Terzo Settore in stretta collaborazione. Game Over, di cui Officina dei Talenti è capofila in partenariato con le cooperative sociali Un Fiore per la vita, Regina Pacis, Il Millepiedi, P.a.s.s. e l’Azienda sanitaria locale Napoli 2 nord, si fonda sulla consapevolezza che per offrire risposte adeguate ai bisogni complessi, espressi da singoli individui e dalle loro famiglie bisogna partire proprio dalla comunità territoriale coinvolgendo parti sociali ed istituzionali.

“E’ una nuova sfida per l’inclusione sociale ed un naturale avanzamento di impegno nella realizzazione di percorsi riabilitativi per persone che fanno uso di sostanze, alcool e gioco d’azzardo“, afferma la presidente Maria Pia Ortoli.

PressGiochi