21 Settembre 2020 - 22:12

Acadi: “Stabilità. Si rischia la dismissione di massa di molti apparecchi da gioco”

Acadi, l’associazione di categoria dei concessionari degli apparecchi da intrattenimento, esprime preoccupazione circa i primi segnali di dismissioni di massa di apparecchi da intrattenimento. “Le dismissioni – affermano dall’associazione –

30 Dicembre 2014

Print Friendly, PDF & Email

Acadi, l’associazione di categoria dei concessionari degli apparecchi da intrattenimento, esprime preoccupazione circa i primi segnali di dismissioni di massa di apparecchi da intrattenimento.

“Le dismissioni – affermano dall’associazione – risultano essere iniziate a seguito dell’emanazione della Legge di Stabilità che prevede, a carico degli operatori del settore Adi, il pagamento di un’addizionale di 500 milioni di euro in funzione degli apparecchi collegati alle reti telematiche dei singoli concessionari. Le dismissioni sarebbero un indicatore della volontà di alcuni operatori, alla luce del crescente carico fiscale, di abbandonare il mercato lasciando così ulteriore spazio agli apparecchi da gioco illegali ‘contro’ cui si è tanto lavorato negli ultimi dieci anni”. L’associazione si dice inoltre “preoccupata che le dismissioni di massa da parte di alcuni operatori possano essere finalizzate ad una elusione delle previsioni normative contenute nella Legge di Stabilità” e chiede “primariamente al Ministero dell’Economia e delle Finanze e all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di prendere atto della criticità segnalata, nonché di verificarne la consistenza al fine di intervenire per prevenire eventuali pratiche illecite e salvaguardare gli operatori che esercitano la propria attività secondo le regole”.

Acadi chiede, infine, al Governo di valutare i possibili impatti di tale fenomeno sotto il profilo della raccolta erariale e dei conseguenti riflessi sotto il profilo occupazionale e industriale a totale vantaggio della proliferazione del gioco illegale.

PressGiochi

Fonte immagine: spina presa