01 Ottobre 2020 - 10:18

Abodi (Pres. Lega serie B): “Presentato pdl contro match-fixing”

“Dobbiamo lavorare di più e meglio sul capitale umano – ha dichiarato Andrea Abodi, presidente della Lega Serie B in merito agli scandali delle partite truccate che si sono verificate

06 Luglio 2015

Print Friendly, PDF & Email

“Dobbiamo lavorare di più e meglio sul capitale umano – ha dichiarato Andrea Abodi, presidente della Lega Serie B in merito agli scandali delle partite truccate che si sono verificate in queste settimane -. Il presidente dell’Autorità Anticorruzione Raffaele Cantone ha dato piena disponibilità nel farsi promotore di un proposta di legge contro le frodi sportive che abbiamo presentato lo scorso febbraio. Spero che il suo supporto ci permetta di sensibilizzare ancora di più il Governo. Al centro del progetto di legge c’è la previsione della confisca dei beni nei confronti dei soggetti colpevoli del reato di frode sportiva e dell’inserimento di questo reato, così come quello della raccolta illecita di scommesse sportive, nel perimetro del decreto legislativo 231/2001, che disciplina la responsabilità delle persone giuridiche in favore delle quali vengano commessi reati.

La proposta di legge è stata valutata positivamente dagli Uffici legislativi dei ministeri dell’Interno e della Giustizia che stanno individuando il veicolo legislativo più adatto. È indispensabile attribuire alle pene fissate per i fenomeni corruttivi e fraudolenti nel calcio un carattere di maggiore deterrenza, anche mutuando strumenti giuridici usati per combattere la criminalità organizzata. Ad esempio, stabilendo dei severi effetti patrimoniali, attraverso la confisca dei beni, anche in caso di patteggiamento. Il progetto della Lega Serie B prevede inoltre – ha concluso Abodi a IlSole24Ore -l’introduzione di severe sanzioni pecuniarie e interdittive nei confronti della società nell’interesse o a vantaggio della quale abbia agito l’autore dei reati sportivi, superando alcune incongruenze che possono derivare dalla rigida applicazione della responsabilità oggettiva”.

PressGiochi