20 agosto 2019
ore 16:30
Home Cronaca A Rimini il 74% dei ragazzi non ha mai giocato d’azzardo

A Rimini il 74% dei ragazzi non ha mai giocato d’azzardo

SHARE
A Rimini il 74% dei ragazzi non ha mai giocato d’azzardo

Lombardia. Beccalossi: “Importante combattere la ludopatia a partire dalle scuole”

La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT Rimini) in collaborazione con la Usl ha condotto un’indagine nelle scuole superiori di Rimini sulle dipendenze. Sono stati distribuiti 1391 questionari anonimi di 33 domande a studenti  dai 14 ai 20 anni  che frequentavano  scuole medie superiori della Provincia di Rimini di diversi indirizzi; si trattava di 63 classi (dalla I e la IV superiore) che avevano precedentemente seguito un corso di introduzione sul tema.
Sono stati raccolti ed  elaborati  1165  questionari ( pari al 83,75% del totale). Il 34 % delle classi aderenti al progetto erano del  primo anno e  36 % del secondo. Il restante 30% erano studenti  del terzo e del quarto anno. L’età media dei partecipanti  era  di 15 anni, Il 53% degli studenti era di sesso femminile, il 47% di sesso maschile. Il 10% degli studenti era di nazionalità straniera.

In merito al gioco d’azzardo ( videopoker, lotto, casinò, scommesse sportive, lotterie, gratta e vinci, scommesse online, totocalcio, enalotto, totogol, ecc) il 74% degli studenti sostiene di non aver mai provato a giocare, il 96%, se ha provato a giocare, dice di non aver mai sottratto del tempo allo studio e il 94% , se gioca, afferma di non tornare a giocare un’altra volta per rivincere i soldi persi. In conclusione, il 96% dei ragazzi è consapevole che il gioco d’azzardo possa creare dipendenza.

 

 

Il 47% dei ragazzi  ha provato a fumare almeno una volta nella vita (il 95%  ha  fumato  una quantità di sigarette compresa tra 1 e 10) e il 79% di loro  non ha continuato a farlo. Dei ragazzi che poi hanno continuato a fumare, il 92%, sostiene di fumare una quantità pari o minore di 10 sigarette. Il 97% degli intervistati   sa perfettamente che la nicotina è una droga e crea  dipendenza, ma nonostante ciò una percentuale consistente, pari al 45% degli studenti, è convinta di poter smettere quando vuole. Malgrado ciò  il 66% dice di non aver mai provato a smettere e di quella piccola percentuale che invece ha tentato, (il 57%) non ci è riuscito.

In merito all’ uso/abuso di alcool si nota che il 76% dei ragazzi ha provato almeno una volta una bevanda alcolica e l’occasione per bere è per quasi per tutti il sabato sera. Inoltre la metà degli studenti crede che l’alcool sia una droga, la stragrande maggioranza di questi è consapevole del fatto che possa creare dipendenza e il 75% è d’accordo nel sostenere che un alcolista non possa smettere quando vuole. Il 78 % dei giovani  sa che l’alcool è una delle principali cause della morte di molti ragazzi coetanei

Per quanto concerne le droghe,  è stato rilevato che il 76% dei ragazzi ha provato almeno una volta la cannabis. Si può notare, inoltre, che 16 studenti su 1147 ammettono  di aver provato la cocaina e 8  l’eroina. Per quanto riguarda le altre droghe, come extasy e preparazioni  varie,  l‘80% le conosce, il 97% di essi dice di non averle mai provate. È opinione diffusa tra i giovani che chi fa uso di sostanze stupefacenti sia soprattutto una persona debole o con delle problematiche.

Per quanto riguarda l’uso di computer, cellulari, tablets e videogiochi, il 61% dei ragazzi sostiene di passare molto tempo utilizzandoli ( tra le 2 e le 4 ore al giorno). Il 78% di essi è consapevole del fatto che tali oggetti possano creare dipendenza e il 68% è riuscito a diminuirne l’utilizzo. Il 60% dei ragazzi sono contrari al fatto che il computer, il cellulare o tablet, con i loro social network, possano facilitare i rapporti sociali.

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN