24 Settembre 2020 - 16:47

A.g.c.a.i.: all’opera per garantire il necessario compattamento di filiera

L’A.g.c.a.i., nel ringraziare l’associazione As.tro per l’invito rivoltole relativamente al convegno tenutosi ieri a Roma, si complimenta con tutti gli intervenuti per gli interessanti temi trattati e, in modo particolare,

10 Giugno 2015

Print Friendly, PDF & Email

L’A.g.c.a.i., nel ringraziare l’associazione As.tro per l’invito rivoltole relativamente al convegno tenutosi ieri a Roma, si complimenta con tutti gli intervenuti per gli interessanti temi trattati e, in modo particolare, con il vice-presidente As.tro., dott. Gioacchini, con cui il Presidente di A.g.c.a.i. ha voluto complimentarsi personalmente per l’importanza delle parole spese a difesa della dignità della figura del Gestore.

Nel corso dell’incontro, rassicurazioni all’intero comparto sono venute dalle voce del Sottosegretario Baretta; rassicurazioni che tuttavia, ad oggi, non hanno trovato riscontro nel testo dell’ultima bozza del decreto delegato che necessita, pertanto, di alcune importanti modifiche per garantire effettiva tutela e continuità di impresa alle aziende del settore.

Difatti, nel corso di un breve colloquio avuto con il Sottosegretario, il Presidente dell’A.g.c.a.i. ha fatto presente la necessità che, nell’ambito del decreto attuativo, venga assicurata la permanenza della titolarità del nulla-osta di produzione in capo al costruttore e del nulla-osta di messa in esercizio in capo al gestore, condizione imprescindibile per la sopravvivenza delle aziende del comparto. In concreto, quello che si chiede è che i nuovi apparecchi da remoto rimangano di proprietà del costruttore/gestore e siano connessi alla rete telematica per il tramite del Concessionario.

E’ necessario, tuttavia, che i buoni auspici trapelati dalle parole del Sottosegretario vengano tramutati in previsioni legislative da inserirsi nel decreto delegato; a tal proposito, l’A.g.c.a.i. è già all’opera in queste ore, con una serie di colloqui avuti con le altre Associazioni di categoria (As.tro. e Sapar), per garantire quel compattamento della filiera necessario per far fronte comune e tutelare al meglio gli interessi di tutto il settore nelle aule dove si scriverà la legge.

Facendo seguito ai colloqui già avuti nei giorni precedenti con gli esponenti di Sapar, il Presidente dell’A.g.c.a.i., a margine di un incontro di saluto avuto con l’Avv. Massimiliano Pucci, ha ricevuto la massima disponibilità da parte di As.tro. affinché si rediga un documento programmatico unico, da sottoporre al Sottosegretario Baretta, per far si che vengano accolte le modifiche da apportare all’ultima bozza del decreto delegato.

Noi vogliamo un mercato affidabile e responsabile, con misure specifiche per combattere la dipendenza da gioco; un mercato al passo con le ultime tendenze e le innovazioni in materia di tecnologie; un modello ben regolamentato sia per i giocatori che per gli operatori e che garantisca a questi ultimi di poter essere sul mercato in modo legale.

PressGiochi