23 Settembre 2020 - 14:29

Delega fiscale. 500 mln l’anno da aumento del preu sugli apparecchi

I concessionari dovranno versare entro il 30 di aprile, ciascuno in quota proporzionale al numero di apparecchi detenuti, la somma di 200 milioni di euro, mentre la seconda rata della

10 Aprile 2015

Print Friendly, PDF & Email

I concessionari dovranno versare entro il 30 di aprile, ciascuno in quota proporzionale al numero di apparecchi detenuti, la somma di 200 milioni di euro, mentre la seconda rata della tassa dei 500 milioni prevista dalla Stabilità verrà recuperata attraverso l’aumento del preu degli apparecchi newslot e vlt. Lo stabilisce l’ultima versione circolante della bozza di delega fiscale relativa all’attuazione dell’art. 14 sui giochi pubblici prevedendo quindi il prelievo annuale dei 500 milioni non attraverso la rinegoziazione dei contratti all’interno della filiera ma attraverso l’aumento del preu sugli apparecchi. Ipotesi privilegiata anche dagli stessi operatori e associazioni di categoria. La delega stabilisce il pagamento della prima rata dei 500 milioni pur entrando in vigore sicuramente in una data successiva. Sulla questione andrà ad incidere anche la sentenza del Tar Lazio attesa per il prossimo 1° luglio.

Cade nel vuoto, la speranza di veder ridotta la tassa della stabilità da 500 a 300 milioni per ques’anno, come ipotizzato nelle altre versioni circolanti. Sembrerebbe – da fonti ministeriali – che su questo punto il governo non abbia dubbi. Mistero invece ancora per quanto riguarda la presentazione al Consiglio dei ministri del testo del decreto che slitta di settimana in settimana. Come dichiarato dal presidente Renzi, martedì 21 aprile arriverà in cdm la prima parte dei decreti fiscali all’interno del quale non è incluso il pacchetto giochi.

PressGiochi