26 Settembre 2020 - 00:41

Regione Veneto: in discussione mozione sulla lotta al gioco d’azzardo

Prevista per domani, 10 gennaio , la convocazione del consiglio regionale del Veneto durante il quale sono state calendarizzate una serie di interrogazioni in materia di sanità, agricoltura, immigrazione, ambiente

09 Gennaio 2017

Print Friendly, PDF & Email

Prevista per domani, 10 gennaio , la convocazione del consiglio regionale del Veneto durante il quale sono state calendarizzate una serie di interrogazioni in materia di sanità, agricoltura, immigrazione, ambiente e politica regionale, nonché diverse mozioni che impegnano la Giunta regionale su tematiche quali università, ambiente e raccolta dei rifiuti, economia.

Tra queste anche la mozione presentata dal PD sulla lotta al gioco d’azzardo e che impegna la Giunta affinché la Regione del Veneto sostenga con adeguate risorse i comuni al fine di attivare forme di premialità per gli esercizi che non installano o dismettono apparecchiature per il gioco d’azzardo lecito.

La mozione presentata da Orietta Salemi, impegna l’organo esecutivo regionale a:

– a rafforzare le azioni di comunicazione, promozione e sostegno nei confronti degli enti locali in merito alle previste disposizioni e misure in materia di gioco d’azzardo al fine di prevenire, disincentivare e combattere le dipendenze da gioco d’azzardo patologico;
– a verificare la fattibilità di una riduzione dell’aliquota IRAP, nella misura minima consentita, per gli esercizi che dichiarino di non disporre di apparecchiature per il gioco d’azzardo o che provvedano a dismettere quelle installate;
– a stanziare nel bilancio regionale 2017 adeguate risorse a sostegno dei comuni che intendono adottare forme di premialità (come ad esempio la riduzione delle imposte comunali, TASI, IMU, TARI) per disincentivare l’installazione di apparecchiature da gioco d’azzardo lecito negli esercizi, nei circoli privati e in altri luoghi deputati all’intrattenimento, in attuazione delle disposizioni di cui alla lettera c), comma 3 dell’articolo 20 della legge regionale 6/2015.

 

Ancora aperta rimane invece la mozione presentata dal M5S recante “Posizione della Regione Veneto in tema di gioco d’azzardo e di contrasto alle patologie ad esso correlate, in sede di conferenza unificata Stato, regioni ed enti locali” presentata dal consigliere Berti Jacopo.

PressGiochi