20 Settembre 2020 - 07:43

Ferrara. L’Arci risponde a Fochi (M5S): “Attacchi strumentali, in realtà vietiamo ai nuovi circoli di installare apparecchi da gioco”

Questa mattina il consigliere del Movimento 5 Stelle Claudio Fochi aveva presentato al Comune di Ferrara una interrogazione contro l’installazione delle slot machine all’interno dei circoli Arci. Per Fochi questa

19 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina il consigliere del Movimento 5 Stelle Claudio Fochi aveva presentato al Comune di Ferrara una interrogazione contro l’installazione delle slot machine all’interno dei circoli Arci. Per Fochi questa scelta non solo contrasta con lo statuto associativo ma anche con la scelta fatta dall’Arci in sede regionale per il contrasto del gioco patologico.

Arriva tempestiva la risposta dell’associazione che spiega come “Il tema  è complesso, e va analizzato seriamente e senza strumentalizzazioni che richiamino connivenze di qualsiasi tipo con questa o quella maggioranza. Il numero crescente di persone colpite dalla malattia da gioco, riconosciuta come nuova piaga sociale dall’organizzazione Mondiale della Sanità, non possono che interrogare l’Arci, spingendola a intervenire in difesa dei propri soci e di tutti i cittadini”.

La presidenza dell’Arci di Ferrara ha da tempo avviato la discussione e le conseguenti azioni. Per esempio Arci Ferrara, in seguito ad una precisa delibera, non concede affiliazioni alle nuove basi associative che richiedano di aderire ed intendano posizionare queste macchinette; dal 2008 abbiamo inoltre cancellato convenzioni e servizi con le ditte di noleggio; periodicamente, infine, inviamo informative e comunicazioni ai circoli per cercare di sensibilizzare i gruppi dirigenti sulle compagne di sensibilizzazione oltre, naturalmente, a suggerire di liberarsi degli apparecchi in questione. Negli ultimi anni, in modo coerente a queste decisioni, abbiamo quindi rinunciato ad affiliare alcuni nuovi circoli, ed altri, grazie alle riflessioni condivise con Arci, hanno eliminato dai propri spazi le slot machine”.

Ma in assenza di strumenti adeguati la strada è irta di difficoltà. La ragione principale – conclude l’Arci – risiede nella convinzione che il superamento della presenza di questi apparecchi nei circoli deve, necessariamente nascere, per essere efficace, da processi di consapevolezza del gruppo dirigente del circolo, che come associazione continueremo a stimolare. Solo in questo modo si può costruire una vera alternativa per i soci del circolo che, se non realmente consapevoli, potrebbero semplicemente attraversare la strada per entrare nel bar o nella tabaccheria più vicina. La nostra esperienza ci ha ampiamente dimostrato come non si possa risolvere la questione con imposizioni dall’alto, perché la sovranità e l’organizzazione democratica del circolo legittimano e garantiscono la libertà di scelta del circolo stesso, che potrebbe, come in certi casi è successo, non essere d’accordo”.

PressGiochi

 

Ferrara. Fochi (M5S): “La presenza di slot machine nei circoli Arci contrasta con gli impegni assunti dall’associazione”