24 Settembre 2020 - 06:03

Macao, l’isola che deve ridurre la propria dipendenza (erariale) dal gioco d’azzardo

Il Macau’s Gaming Inspection and Coordination Bureau, l’ente di controllo per quanto riguarda il gioco della regione cinese ha pubblicato i dati finanziari dei casinò dell’isola relativamente a giugno mostrando

04 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Il Macau’s Gaming Inspection and Coordination Bureau, l’ente di controllo per quanto riguarda il gioco della regione cinese ha pubblicato i dati finanziari dei casinò dell’isola relativamente a giugno mostrando come per l’ennesimo mese consecutivo le entrate lorde di gioco siano scese del 8,5% a 1,99 mld di $.

Giugno è stato il 25 mese consecutivo nel quale i casinò di Macao hanno registrato un calo delle entrate.

Le sale da gioco dei casinò di Macao hanno generato GGR pari a 13,49 miliardi di dollari  nei primi sei mesi del 2016 con un calo dell’11,4% anno su anno.

Va ricordato che l’industria del gioco contribuisce ogni anno all’80% delle entrate erariali di Macao. Dato che i casinò stanno sperimentando negli ultimi mesi  delle perdite importanti, i funzionari della città stanno cercando di limitare tale dipendenza fiscale della città dal settore del gioco, diversificando la propria offerta turistica.

Inoltre sembrerebbe imminente la possibilità di intervenire sulla legge del 2013 che regolamenta le condizioni di accesso, lavoro e gioco all’interno dei casinò e che vieterebbe ai 3.044 lavoratori di casinò di giocare all’interno delle case da gioco durante il loro tempo libero. Secondo le organizzazioni e sindacati dei lavoratori, dovrebbe esser fornito ai dipendenti uno spazio più sicuro  e anche per l’atmosfera del gioco in generale. Ritengono, infatti, che le autorità potrebbero prestare maggiore attenzione alle influenze negative che riguardano la comunità a seguito di esposizione al gioco.

PressGiochi